Drive Up - Appuntamento a sabato 30 novembre

4 Ruote - Nov 28,2019

La Maserati Levante più estrema che cè, la Trofeo, una BMW M4 GTS dallaria cattivissima e la nuova Alfa Romeo Stelvio in versione MY 2020. Si dà libero sfogo alla passione nella settima puntata di Drive Up, in programma sabato 30 novembre, alle 13.40, su Italia 1.

Aggressive. Si va subito dalle parti di Vairano, dove DJ Ringo accoglie Aida Yespica, attrice e showgirl. lei lospite che si metterà alla prova con la Suv del Tridente, qui nella versione più cattiva, con il V8 da 580 cavalli. Ed è cattiva, anzi cattivissima, pure la BMW M4 GTS, serie speciale a tiratura limitata in 700 esemplari della coupé, che guida Matteo Valenti. Con la sorella normale M4 la GTS ha poco in comune: rollbar, sedili posteriori asportati per togliere peso e cinture a cinque punti, infatti, sono dettagli che rendono bene come questo mostro sia pensato soprattutto per la pista, pur essendo omologato per la strada.

In viaggio con il Biscione. Poi, sulla strada che porta da Arese, sede del Museo Alfa Romeo, a Hinwill, dove si trova la factory della scuderia Alfa Romeo Racing, scopriamo la Stelvio MY 2020: a spiegarci tutte le novità della Suv del Biscione è il nostro Fabio Sciarra.

Piccole alla carica. Nella trasmissione prodotta da Mediaset in collaborazione con la nostra testata, però, cè spazio anche per le auto di tutti i giorni. E via allora con la nuova Renault Clio, che Monica Bertini ci racconta dal cuore della Toscana; con la Volkswagen e-up!, la piccola elettrica da poco rinnovata soprattutto nella dotazione di batterie, che Alessia Ventura guida tra le ville venete. E, per finire, con la Seat Arona TGI, la Suv compatta a metano che Roberto Ungaro ci racconta a partire dalla fabbrica in cui nasce. Per saperne di più non mancate sabato, alle 13.40, su Italia 1!

Categorie: 4 Ruote

Amarcord - Le Micro Machines tornano sugli scaffali

4 Ruote - Nov 28,2019

Hanno fatto la felicità di tanti ragazzini degli anni 90 e ora sembrano pronte a tornare sugli scaffali, grazie allazienda Wicked Cool Toys, che ha raggiunto un accordo con la Hasbro per la loro produzione su licenza. Parliamo delle Micro Machines, le macchinine (molto ine) ideate più di trentanni fa dal giocattolaio Clem Hedeen, che in seguito ne vendette la licenza alla Galoob (in seguito assorbita dalla Hasbro).

Il successo. Le vetture in miniatura, comè noto, hanno fatto breccia nei cuori dei bambini di tutto il mondo, compreso il famoso Macaulay Culkin, oggi quarantenne: in una delle tante gag del film  Mamma ho perso laereo (1990), il piccolo Kevin le utilizza per far scivolare sul pavimento di casa i ladri Harry e Marv. Con il marchio Micro Machines (distribuito in Italia da Gig, Hasbro e Rocco Giocattoli) sono nati numerosi tipi di veicolo oltre alle automobili: camion, motociclette, imbarcazioni, ma anche astronavi e altri veicoli di fantasia, come quelli della saga di Star Wars.

Il declino e il rilancio. Proprio i modellini legati al mondo del cinema sono diventati, dopo il 2006, gli unici prodotti in vendita di una gamma che sempre più di rado si è vista sugli scaffali dei negozi. Gli stessi su cui le vere macchinine dovrebbero tornare nellautunno 2020, come annunciato dalla Wicked Cool Toys: ulteriori dettagli sulla nuova linea di Micro Machines saranno rilasciati entro la fine dell'anno, promettono dallazienda.

Categorie: 4 Ruote

Audi e-tron - Aumenta l'autonomia, non il prezzo

4 Ruote - Nov 28,2019

Grazie al lavoro di sviluppo e di affinamento della propria tecnologia l'Audi è in grado di offrire ai clienti una variante aggiornata della e-tron elettrica con autonomia aggiuntiva di 25 km. Il pacchetto è dedicato alla sola versione 55 quattro e porta il valore totale nel ciclo wltp a 436 km, senza variazione di prezzo. Al momento, la Casa non fa menzione riguardo alla possibilità di aggiornare la batteria sulle vetture già prodotte.

25 km di autonomia in più con l'aggiornamento tecnico. Per ottenere questo risultato, i tecnici dell'Audi hanno introdotto modifiche ai software di gestione del powertrain, al recupero dell'energia in frenata e alla sensibilità del pedale dell'acceleratore nella guida one-pedal. Nel 90% delle fasi di rallentamento, ovvero sotto gli 0,3 g, la vettura non utilizza i freni tradizionali e, rendendo ancora più marcato questo intervento, è stato possibile generare fino a 300 Nm e 220 kW di potenza.  stato inoltre modificato il sistema di raffreddamento, che prevede quattro circuiti, riducendo la portata del liquido refrigerante per ridurre l'energia richiesta dalla pompa senza intaccare la funzionalità della ricarica in corrente continua. Questo, insieme a una ottimizzazione del funzionamento della pompa di calore destinata all'abitacolo, permette in certe condizioni di migliorare fino al 10% l'autonomia. 

Debutta il pacchetto S line opzionale. Per i nuovi esemplari della e-tron sarà ora disponibile anche il pacchetto S line. L'opzione include i cerchi in lega da 20", le sospensioni pneumatiche Sport, i paraurti sportivi con prese d'aria maggiorate, i battitacco di alluminio illuminati e la verniciatura in tinta con la carrozzeria dei passaruota, delle minigonne e delle calotte degli specchietti. Come ulteriore optional, il catalogo offre la finitura in nero lucido del single frame anteriore, delle cornici dei cristalli, dei profili dei paraurti e delle calotte degli specchietti. 

Categorie: 4 Ruote

FCA - Richiamo per oltre 72.000 Fiat 500

4 Ruote - Nov 28,2019

Il gruppo FCA ha avviato una campagna di richiamo per 72.761 Fiat 500, per la maggior parte vendute negli Stati Uniti. L'iniziativa è partita dopo l'individuazione di un problema a una delle boccole del cambio nei model year 2012 e 2013. 

Rischio malfunzionamento per il cambio. In particolare, dopo alcune segnalazioni, la società ha avviato un'indagine, scoprendo che alcune boccole possono deteriorarsi in caso di esposizione a fonti di calore oppure all'umidità. In tal caso, il cavo del cambio potrebbe scollegarsi dalla trasmissione rendendo più lente le cambiate, ma non ci sarebbe alcun avvertimento nel quadro strumenti. Il richiamo riguarda soprattutto il mercato nordamericano: sono 51.788 le vetture oggetto della campagna negli Stati Uniti, 10.627 in Canada, 3.520 in Messico e 6.826 al di fuori del Nord America.

Richiamati anche 100.000 ProMaster. La divisione statunitense del gruppo FCA ha anche avviato il richiamo per 109.402 esemplari, dal 2015 al 2018, del furgone Ram ProMaster per un problema legato al possibile surriscaldamento delle ventole di raffreddamento del motore. Anche in questo caso, la campagna riguarda per lo più gli Stati Uniti: 99.128 veicoli interessati sono stati infatti commercializzati sul mercato statunitense, 8.025 su quello canadese e 2.249 in Messico.

Categorie: 4 Ruote

Dacia Duster - Al volante della TCe 100

4 Ruote - Nov 28,2019

Non soddisfatto di essere entrato a far parte delle famiglie della Renault Clio e della Captur, nonché in quella della Nissan Micra, il tre cilindri turbo mille da 101 CV sviluppato dallAlleanza franco-giapponese si cala anche dentro il cofano della Dacia Duster.

Piena fiducia nella sovralimentazione. Il propulsore dà vita alla nuova versione entry-level della Suv, sostituendo l1.6 aspirato da 114 CV e confermando, al contempo, la completa conversione della famiglia Duster alla sovralimentazione. Lavvicendamento si prefigge di conferire alla più piccola delle Duster unefficienza e una fruibilità migliori rispetto alle precedenti versioni, sebbene a fronte di un leggero ridimensionamento prestazionale. La 1.0 TCe tocca i 168 km/h anziché i 172 dichiarati dalla 1.6 SCe, mentre nella progressione da 0 a 100 km/h fa fermare il cronometro a 12,5 secondi invece che a 11,9.          

Ben educato. Alla prova dei fatti, il piccolo tre cilindri abbinato al cambio manuale a cinque marce mantiene fede alle promesse. Non stupisce con effetti speciali, ma si fa subito apprezzare per lassenza di vibrazioni e il comportamento garbato: la tipica tonalità del tre cilindri, in particolare, emerge nelle accelerazioni e nelle fasi di ripresa più brusche. Il confort generale è buono, fatta eccezione per il rotolamento dei pneumatici che a volte filtra nellabitacolo

Convince quando gioca la coppia. Il primo contatto con la TCe 100 si è svolto su un tratto di un centinaio di chilometri, tre quarti dei quali sulla strada che sinerpica verso il passo dellAbetone. Un percorso dove luso del cambio è indispensabile per ottenere spinte adeguate alla situazione. E se il primo non mi ha pienamente convinto per gli innesti un po contrastati, le seconde sono state favorite dallandamento della coppia (160 Nm a 2.750 giri) che ha permesso di mantenere agevolmente il tricilindrico nel campo dazione dove offre il meglio di sé. , quindi, ai regimi intermedi che il temperamento della TCe 100 diventa più vivace. La spaziatura del cambio, piuttosto lunga, non è un toccasana in ripresa, ma favorisce i consumi (13,5 km/l contro i 18,2 omologati): per ulteriori considerazioni su questo fronte bisognerà attendere ai numeri del Centro prove, vista la particolare tipologia del percorso. La Duster TCe 100 non riserva sorprese e si comporta come le altre Duster: non affatica il guidatore, è sempre rassicurante e piuttosto agile, anche se lo sterzo, tendenzialmente leggero, mantiene limpostazione turistica.  

Adesso unedizione speciale, poi la bifuel. La 1.0 TCe 100 è proposta negli allestimenti Access, Essential, Comfort, Prestige e nella serie speciale Techroad a prezzi che spaziano da 12.200 a 17.100 euro. Nella prima metà del 200, la versione bifuel Gpl basata su questa Duster prenderà il posto dellattuale 1.6. Per la cronaca, la più venduta della famiglia.

Categorie: 4 Ruote

Mugello - Dal 2025 potrebbe ospitare il GP d'Italia di F.1

4 Ruote - Nov 28,2019

"Ci sono buone probabilità che dal 2025 il Gran Premio d'Italia di Formula 1 si possa svolgere al Mugello". Parole di Eugenio Giani, presidente del Consiglio Regionale della Toscana, secondo il quale il futuro della gara potrebbe non essere ancora nel segno di Monza.

Il Mugello sarebbe lalternativa. Con il recente accordo siglato il settembre scorso, Monza manterrà l'organizzazione della gara per altri cinque anni, fino alledizione del 2024. Tuttavia, seppur sia ancora un po' prematuro, qualcuno avanza già i primi dubbi sul se e come il Tempio della Velocità potrà mantenere in futuro la corsa. Ai microfoni dell'agenzia Ansa, Giani ha quindi detto: "La Ferrari, proprietaria del Mugello, dovrà fare molti investimenti se vorrà avere il Circus sula sua pista, ma è anche vero che non sappiamo ancora se Monza sarà in grado di riqualificare il suo autodromo in questi cinque anni per adeguarlo alle esigenze del quinquennio successivo. Per questo vedo nel Mugello una candidatura forte e un'alternativa valida agli attuali organizzatori del GP d'Italia".

Categorie: 4 Ruote

Auto aziendali - Ecco come cambierà il fringe benefit

4 Ruote - Nov 27,2019

Sulla riforma del fringe benefit prende corpo lemendamento del governo allarticolo 78 del Ddl bilancio in discussione in commissione bilancio al senato. La misura prevede due capisaldi: innanzitutto la non retroattività, cioè lapplicazione delle novità solo alle auto aziendali in uso promiscuo immatricolate a partire dall1 gennaio 2020 o, secondo altre fonti, a partire dall1 luglio 2020; in secondo luogo la modulazione della percentuale di tassazione in funzione delle emissioni di anidride carbonica, coerentemente con limpegno preso dal presidente del consiglio, Giuseppe Conte, allassemblea dellAnfia (stiamo rivedendo la norma in modo sostanziale, in stretto contatto con il Mise, in modo da non colpire improvvidamente lavoratori e aziende), cioè senza impattare in maniera sostanziale sulle imprese e sui loro dipendenti.

Il nodo soglie. Tre le ipotesi allo studio. La prima, coerente con gli obiettivi di emissioni imposti allindustria automobilistica dallUnione europea per il 2021, prevede lintroduzione di una soglia di 95 g/km al di sotto della quale far scattare agevolazioni. La seconda, invece, coerente con la norma sullecobonus/ecomalus introdotta un anno fa, imposterebbe la manovra sulle soglie a cui siamo già abituati, cioè 20, 70 e 160 g/km. Altre indiscrezioni, invece, parlano di altre tre soglie (60, 160 e 190 g/km) fissate in funzione dellobiettivo di annullare limpatto della misura, che da un gettito stimato in oltre 330 milioni di euro scenderebbe ad appena due.

Sarà bonus/malus. Indipendentemente dallentità delle soglie, il principio che ispirerà la norma sarà quello di agevolare, rispetto alla disciplina fiscale attualmente in vigore, le auto a basse e bassissime emissioni, mantenere lo status quo per il grosso delle macchine attualmente a listino e introdurre una penalizzazione per quelle ad alte emissioni.

Target 95 g/km ma cè lipotesi quattro fasce. Lipotesi migliore per imprese e dipendenti, e probabilmente la più logica visto il contesto complessivo, sarebbe quella di agevolare tutte quelle al di sotto di 95 g/km, mantenere il 30% fino a 160 g/km e introdurre una penalizzazone oltre questa soglia. Eventualmente agganciando tutto agli obiettivi Ue per il 2025 (80 g/km) e 2030 (59 g/km). Alcune indiscrezioni, tuttavia, parlano di modulazione su quattro fasce: fino a 60 g/km la tassazione del fringe benefit scenderebbe al 25%, da 61 a 160 g/km resterebbe allattuale 30%, da 161 a 190 salirebbe al 40%, a partire da 191 crescerebbe al 50%.

Tutto dipenderà dai numeri. La decisione finale del governo, che sarà politica (impatto minimo o nullo sulle imprese), si baserà però, comè logico, sui numeri che i tecnici del ministero dellEconomia (sul gettito) e di quello dei Trasporti (sulle immatricolazioni) stanno fornendo al governo sui possibili impatti in funzione delle varie ipotesi sul tavolo. Sulla base delle risultanze il governo, nei prossimi giorni, deciderà.

Categorie: 4 Ruote

Tesla Cybertruck - Sul web è anche di Lego

4 Ruote - Nov 27,2019

La mole di commenti e di meme nati sulla scia della presentazione del Tesla Cybertruck non accenna a placarsi. Anche la Lego, che nel mondo automotive è presente con diverse partnership e con prodotti dedicati, ha voluto dire scherzosamente la sua, pubblicando un post su Twitter dove uno dei suoi classici mattoncini ha messo le ruote, trasformandosi in quello che viene definito come "infrangibile". Il riferimento è, ovviamente, ai finestrini Tesla Armor Glass, ormai divenuti simbolo dell'evento di Los Angeles.

Pronti i modellini non ufficiali Lego. Oltre al messaggio ufficiale della Casa danese dei mattoncini, non sono mancati i contributi da parte degli utenti più creativi.  il caso di Peter Blackert, conosciuto anche come Lego911, che in tempo record ha realizzato ben due versioni Lego del Cybertruck, aiutato dalle forme geometriche del veicolo che ben si adattano alla trasposizione. Blackert, noto nel settore per le sue realizzazioni a tema automobilistico e autore di un libro su questa particolare arte, ha pubblicato le immagini del veicolo con due diverse livree, abbinate anche al quad elettrico visto durante la presentazione ufficiale.

Categorie: 4 Ruote

La 24 Ore di Le Mans - La tragedia del 1955 in un cortometraggio danimazione VIDEO

4 Ruote - Nov 27,2019

Non solo cinema: il mito della più celebre gara di endurance rivive anche in un cortometraggio danimazione dal titolo Le Mans 1955. Niente triplette o acerrime rivalità tra scuderie, però: ledizione di 64 anni fa, infatti, rimarrà per sempre segnata dal tragico incidente che causò la morte del pilota Pierre Levegh e di 83 spettatori, oltre al ferimento di 120 persone tra il pubblico.

Lincidente. A raccontare il più grande disastro del motorsport è il cartone animato di 15 minuti che, tuttavia, non si sofferma sulle dinamiche dellaccaduto: una tragica reazione a catena in cui la Mercedes-Benz 300 SLR di Levegh tamponò lAustin-Healey di Lance Macklin, che a sua volta aveva appena perso il controllo della vettura per una manovra azzardata della Jaguar D-Type di Mike Hawthorn; la vettura della Stella si schiantò sulla barriera di protezione, incendiandosi, mentre alcune parti, volate sugli spalti, colpirono il pubblico. Nonostante la tragedia, la gara proseguì.

Il racconto. The show must go on, quindi. Ed è proprio su questaspetto che si incentra la narrazione: Mi sforzo di spiegare con empatia come sia possibile per i conducenti continuare e finire la gara nonostante la tragedia, ha spiegato lillustratore Quentin Baillieux, il cui cortometraggio potrebbe concorrere allOscar. Desidero creare un sentimento di malinconia positiva con questo progetto, inducendo lo spettatore a considerare gli eventi della vita quotidiana da una prospettiva più ampia e a incoraggiare un maggiore senso di empatia.

Il manager e il pilota. Per questo, lillustratore si affida a due personaggi, John Fitch e Alfred Neubauer. Il primo, allepoca trentottenne, è laltro pilota della 300 SLR distrutta sulla barriera, nonché amico dello stesso Levegh. Sarà lui a sgretolare lirremovibilità di Alfred Neubauer, direttore del team che solo in un secondo momento realizzerà le implicazioni della tragedia. La scuderia, comè noto, abbandonò la corsa qualche giro dopo il tragico incidente. A vincere fu proprio la Jaguar di Mike Hawthorn (e Ivor Bueb), la cui manovra imprudente innescò la reazione a catena: L'Auto-Journal commentò laccaduto con un sarcastico " votre santé, Monsieur Hawthorn!" (alla vostra salute, Signor Hawthorn!). Dopo il disastro, la Mercedes-Benz decise di ritirarsi dal motorsport: la Casa tornò in pista soltanto nel 1989.

Categorie: 4 Ruote

Dacia Duster - Una Dacia Duster per Papa Francesco

4 Ruote - Nov 27,2019

Una Dacia Duster 4x4 è stata donata dal gruppo Renault a Papa Francesco. La consegna al Pontefice è avvenuta in Vaticano alla presenza del ceo della Dacia Christophe Dridi e di Xavier Martinet, direttore generale di Renault Italia. Qualcuno ricorderà già l'abbinamento tra Papa Francesco e il marchio Dacia: nel 2016 volle utilizzare una Logan per la sua visita in Armenia.

Tetto di vetro asportabile e assetto ribassato. La Duster, della quale non è stato comunicato il propulsore scelto, è stata realizzata appositamente per il Santo Padre dal reparto prototipi della Dacia in collaborazione con Romturingia.  verniciata in tinta bianca con interni rivestiti di pelle beige ed è stata dotata di equipaggiamenti specifici per le necessità papali: gli interni mantengono la disposizione a cinque posti ma la Papamobile è dotata del tetto panoramico di vetro smontabile, di maniglie interne realizzate appositamente e dell'assetto ribassato di 30 mm per facilitare l'accesso. Su entrambi i parafanghi anteriori sono presenti infine dei sostegni per le bandiere di Città del Vaticano.

Categorie: 4 Ruote

BMW - Si va verso il taglio dei bonus, non dei posti di lavoro

4 Ruote - Nov 27,2019

Nuovi annunci di tagli nel settore automobilistico tedesco. Questa volta non riguardano i lavoratori, bensì i bonus di partecipazione agli utili.  il risultato di un accordo raggiunto dal gruppo BMW con le organizzazioni sindacali tedesche per dare il via alle misure di efficientamento previste dal piano di risparmi da 12 miliardi di euro entro il 2022 annunciato a marzo. 

Bonus limitati ma sempre elevati. L'intesa prevede che, dall'anno prossimo, circa 90 mila dipendenti tedeschi ricevano non più dell'80% dei precedenti premi erogati sulla base delle performance finanziarie annuali. Il bonus distribuito quest'anno, a valere sul bilancio 2018, ha raggiunto i 9.175 euro, oltre 4 mila euro in più rispetto ai 4.965 euro percepiti, per esempio, dai lavoratori della Mercedes. Ci sarà dunque un taglio del 20%, ma l'importo rimarrà superiore alla concorrenza. Inoltre è stato concordato un sistema di ripartizione degli utili che freni l'eccessiva crescita dei premi aziendali, nonché una modifica ai sistemi di calcolo dei bonus natalizi (saranno pagati sulla base di una settimana di 35 ore e non di 40), degli incentivi per determinate posizioni lavorative e dei contributi pensionistici. 

Misure meno drastiche. In tal modo la società bavarese ha trovato un'alternativa ai tagli del personale annunciati negli ultimi giorni dall'Audi e dalla Daimler e messi sul piatto dai vertici della stessa Casa bavarese al tavolo negoziale: si è parlato di circa 6 mila dipendenti in meno nelle discussioni con i rappresentanti sindacali. "Insieme al comitato aziendale - ha ammesso l'amministratore delegato Oliver Zipse -, abbiamo individuato e concordato una soluzione solidale che ci consentirà di fare a meno delle misure drastiche che altri stanno adottando per ridurre i loro costi". Proprio ieri l'Audi ha annunciato un accordo con i sindacati per ridurre la forza lavoro di 9.500 dipendenti (7.500 includendo le assunzioni programmate nelle aree dell'elettrificazione della digitalizzazione). La Daimler, invece, ha deciso di tagliare il 10% delle posizioni dirigenziali e amministrative mentre la Volkswagen prevede tra 5 mila e 7 mila dipendenti in meno entro il 2023. In tutti e tre i casi, la riduzione della forza lavoro, legata alla necessità di affrontare il rallentamento della domanda e la transizione verso la mobilità elettrica, sarà comunque operata privilegiando i prepensionamenti ai licenziamenti. 

Categorie: 4 Ruote

Black Friday 2019 - Le offerte dal mondo dellauto FOTO GALLERY

4 Ruote - Nov 27,2019

In occasione del Black Friday (il venerdì di shopping compulsivo che, per tradizione, segue negli Usa il giorno del Ringraziamento) non mancano offerte provenienti dal mondo dellauto, con promozioni delle più svariate tipologie: dai classici sconti per lacquisto dellauto e dei pacchetti di accessori ai finanziamenti, ai noleggi agevolati e ai tagliandi in promozione, passando per molto altro. In buona parte le offerte dureranno per tutto il weekend (se non fino al Cyber Monday, ovvero il lunedì dedicato agli acquisti tecnologici, successivo al Black Friday) e sono già attive da diversi giorni. Le abbiamo raccolte nella nostra galleria di immagini, aggiornata con le promozioni dellultima ora: tornate a trovarci più volte in questa pagina.

Categorie: 4 Ruote

Volkswagen ID.4 - La Suv si traveste da Opel per i collaudi sulla neve

4 Ruote - Nov 27,2019

Le case costruttrici ricorrono talvolta a metodi piuttosto curiosi per celare alla vista i prototipi durante i collaudi.  il caso della Volkswagen, che ha modificato un prototipo della ID.4 per farlo assomigliare alla Opel Grandland X nel tentativo, poco riuscito, di confondere le idee.

Sotto mentite spoglie. Che si tratti della ID.4 si può notare da diversi particolari, come l'andamento della linea di cintura e dei montanti, il taglio del cofano e la sporgenza dei gruppi ottici posteriori. Per farla assomigliare alla Suv Opel è stata installata una finta griglia frontale ed è stato applicato un adesivo sui gruppi ottici e sulla linea del tetto. Anche i cerchi di lega sono anonimi, mentre in coda è coperto, ma chiaramente visibile, il logo circolare sul portellone.

Due motori per la trazione integrale. La ID.4 è stata già stata annunciata dalla Volkswagen e parzialmente anticipata da un prototipo camuffato esposto al Salone di Francoforte. La piattaforma Meb è quella comune alla ID.3, ma per il modello rialzato saranno previste varianti con doppio motore per offrire anche la trazione integrale e un livello superiore di potenza. Il modello definitivo debutterà nel corso del 2020 in Europa e sarà poi destinato ad aprire la gamma elettrica ID della Volkswagen negli Stati Uniti. 

Categorie: 4 Ruote

Tesla Cybertruck - Ford: "Il tiro alla fune è un test assurdo"

4 Ruote - Nov 27,2019

Come spesso accade, i tweet di Elon Musk hanno sollevato un polverone mediatico. In questo caso è stata la sfida nel tiro alla fune tra il Cybertruck e il Ford F-150 ad attirare l'attenzione del web e, dopo le prime risposte che evidenziavano l'imparità del confronto mostrato dall'ad di Palo Alto, un dirigente della Ford, Sundeep Madra, ha raccolto il guanto della sfida, proponendo un confronto ad armi pari. A poche ore dal tweet, però, la Casa dell'Ovale blu ha preso una posizione ufficiale a riguardo, facendo intendere che, probabilmente, il test non si farà.

Confronto assurdo. Una portavoce del costruttore di Dearborn ha infatti dichiarato che il tweet di Sundeep Madra era ironico ed era pensato per "evidenziare l'assurdità del filmato, niente di più". La rappresentante della Ford ha poi aggiunto: "Con il pick-up più venduto in America da 42 anni, ci siamo sempre concentrati sul servizio ai nostri clienti, indipendentemente da ciò che gli altri dicono o fanno. Attendiamo con impazienza il nostro nuovissimo F-150 ibrido in arrivo il prossimo anno e l'F-150 completamente elettrico tra qualche anno". Parafrasando le dichiarazioni, dunque, si può intuire come la Ford non abbia probabilmente intenzione di mettere a confronto il proprio pick-up con l'elettrico di Elon Musk.

L'opinione dell'astrofisico. Proprio l'ad della Tesla ha accolto le critiche dell'astrofisico Neil deGrasse Tyson, che ha evidenziato, sempre su Twitter, come il confronto tra i due mezzi sia stato falsato dall'assenza di carico sul cassone del Ford F-150. "Adoriamo tutti la coppia. Ma la coppia fa girare le ruote senza muovere il veicolo se non c'è abbastanza peso per fornire trazione. Caricate completamente l'F-150, dando la massima trazione alle ruote posteriori, quindi provate a trascinarlo su per la collina. Per il resto concordo: caricate entrambi al massimo e la coppia maggiore vincerà", ha twittato lo scienziato prima di ricevere una risposta da Musk: "Sono d'accordo, sarà eccitante da vedere!".

Categorie: 4 Ruote

Honda - Estesa la partnership con Red Bull e Toro Rosso

4 Ruote - Nov 27,2019

La Honda ha confermato di aver esteso il rapporto di collaborazione con la Red Bull Racing e con la Scuderia Toro Rosso per un ulteriore anno: il motorista giapponese, dunque, continuerà a fornire le power unit alle due squadre anche nel 2021.

Risultati incoraggianti. Da quando la Honda ha lasciato la McLaren per iniziare questa collaborazione prima con Toro Rosso e poi con Red Bull - le cose sono decisamente migliorate. Quest'anno il motorista giapponese è riuscito a conquistare tre vittorie, tutte firmate da Max Verstappen, alle quali si sono aggiunte le grandi soddisfazioni della Toro Rosso, con i due podi di Kvyat e Gasly che hanno riscritto la storia della Scuderia di Faenza. Alla luce di questi traguardi, la Honda continuerà a investire sul progetto Formula 1.

Fugato ogni dubbio. Nelle scorse settimane, proprio dal motorista giapponese erano arrivate delle dichiarazioni che lasciavano pensare a un futuro incerto nella categoria. Lo stesso managing director della Honda - Masashi Yamamoto - aveva dichiarato: "Bisogna capire quanto bisognerà investire in sviluppo, perché i risultati sono importanti ma bisogna tenere conto dei costi e tenere a posto i bilanci". Frasi che avevano fatto addirittura pensare a un possibile addio dei giapponesi alla Formula 1: ipotesi che sono state oggi spazzate via con l'annuncio del rinnovo.

Categorie: 4 Ruote

Milano Monza Motor Show - Il Salone all'aperto va in diretta TV

4 Ruote - Nov 27,2019

Dovremo aspettare ancora qualche giorno per conoscere tutte le novità riguardanti il Milano Monza Open Air Motor Show, l'evento automobilistico in programma dal 18 al 21 giugno 2020 tra il capoluogo lombardo e l'autodromo che ospita il Gran Premio d'Italia. L'organizzazione ha infatti indetto, per il 18 dicembre, una conferenza di presentazione, ma già da oggi ha comunicato alcuni aggiornamenti sulla manifestazione, che avrà una copertura televisiva live dei suoi principali momenti.  

Un evento dinamico. Alcuni di questi saranno in diretta TV su Sky TG24 o su Sky Sport: è il caso della "president parade", una sfilata di vetture guidate dai massimi esponenti delle rispettive Case sul tracciato dell'autodromo di Monza e in mezzo al pubblico presente in piazza Duomo a Milano. Stesso discorso per la "journalist parade", che da Monza vedrà i giornalisti italiani e internazionali raggiungere il Castello Sforzesco di Milano al volante di alcuni modelli esposti in anteprima alla kermesse lombarda.

Monza protagonista. Levento vedrà anche la partecipazione dellente pubblico Aci e offrirà al pubblico oltre 14 ore di spettacolo quotidiano, soprattutto nel contesto dell'Autodromo di Monza, che per loccasione è stato adibito a vero e proprio centro espositivo dinamico. Lì, infatti, non solo sarà possibile visitare gli stand delle varie Case, ma anche provare le ultime novità con i test drive. Sono aperte al pubblico anche un'area dedicata alla guida off-road e un'altra che ospita la mostra delle auto più iconiche del passato.

Categorie: 4 Ruote

Porsche - Arrivano gli accessori Exclusive per la Taycan

4 Ruote - Nov 27,2019

La Porsche ha presentato online gli accessori Exclusive dedicati alla Taycan. Il reparto dedicato alle personalizzazioni ha realizzato due Taycan Turbo elettriche che mostrano le potenzialità dei pacchetti a disposizione dei clienti per personalizzare la propria sportiva. Gli accessori saranno proposti nel corso del 2020.

Tanta fibra. Le verniciature scelte per le vetture sono denominate Dolimite Silver e Mamba Green, entrambe metallizzate. Per la carrozzeria è previsto lo Sport Design Package in fibra di carbonio che include lo splitter anteriore, le minigonne, le calotte degli specchietti e il diffusore, con sezioni verniciate in tinta carrozzeria. Alla base delle portiere è possibile aggiungere il logo del modello, inoltre i gruppi ottici possono essere modificati adottando la finitura Glacier Iceblue. Per i cerchi di lega, il catalogo Exclusive propone due varianti speciali da 21": quella con aeroblades in carbonio e quella Mission E Design con sezioni in tinta con la carrozzeria.

Per l'abitacolo. Gli interni posso essere personalizzati adottando il fondo colorato per lo Sport Chrono, i battitacco illuminati in carbonio, il logo Porsche sul bracciolo e sui poggiatesta, le cinture di sicurezza colorate e le finiture interne in carbonio o nello stesso colore della carrozzeria, estese anche al volante. Nel caso della vettura fotografata, l'abitacolo è rivestito in pelle nella tinta Chalk Beige, abbinata alla parte superiore nera. 

Per la prima volta al Super Bowl. La Porsche Taycan ha già raccolto un numero di prenotazioni superiori alle previsioni e la Casa tedesca ha appena introdotto al Salone di Los Angeles la versione 4S, che si posiziona alla base della gamma. Non è tutto: quelli di Zuffenhausen hanno girato un sport dedicato alla sportiva elettrica che verrà trasmesso durante la finale del Super Bowl, tradizionale evento sportivo americano che raccoglie ascolti record. 

Categorie: 4 Ruote

Audi - Ecco la RSQ e-tron, una concept da cinema - VIDEO

4 Ruote - Nov 27,2019

LAudi e la Twentieth Century Fox, in collaborazione con i Blue Sky Studios, hanno realizzato un breve video di animazione che mostra in azione la concept car RSQ e-tron, il primo prototipo realizzato dall'Audi per un film di animazione.

La RSQ e-tron. Il cortometraggio, intitolato Lunch Break, anticiperà la première del film Spie sotto copertura (Spies in disguise) prevista per il 25 dicembre. La RSQ e-tron, un'elettrica a guida autonoma, è protagonista del video insieme ai personaggi Lance Sterling (Will Smith) e Walter Beckett (Tom Holland).

Il video. Nella sequenza, limprobabile duo composto da una super spia e un brillante scienziato si ritrova coinvolto in un inseguimento ad alta velocità nella quale vengono messe in mostra alcune delle speciali caratteristiche della RSQ e-tron, come il sistema di intelligenza artificiale per la guida automatica, il contagiri in formato olografico e le diverse funzioni avanzate aggiuntive eseguibili tramite un semplice comando. La concept è stata realizzata con un design futuristico e aggressivo, sintesi dellinnovazione che la Casa tedesca ha in programma di offrire nei prossimi anni.

Categorie: 4 Ruote

Mercedes Benz GLB - Al volante della 220d 4Matic Premium

4 Ruote - Nov 27,2019

La terra di mezzo fra la GLA e la GLC viene occupata dalla GLB, nuova interpretazione della piattaforma con motore trasversale della Mercedes-Benz. Esteticamente, però, la GLB non sbandiera apertamente il fatto di essere lottava componente della famiglia di vetture derivate dalla Classe A di nuova generazione. Non solo perché ha vesti da vera Suv e un profilo che mette in risalto la netta distinzione fra i volumi, ma anche perché ha una corporatura robusta. Infatti, con una lunghezza di 4,63 metri (tre cm in meno della GLC e 20 in più della GLA) e un passo che supera di 10 cm quello delle più strette consanguinee, la GLB non si presta esattamente alla definizione di Suv compatta.

Ampia e funzionale. Allinterno non si rimane sorpresi tanto dallimpatto con larredamento, quanto dallampiezza dellambiente. Anche perché sulla plancia, impostata sulla falsariga di quelle delle piccole di Stoccarda, campeggiano il cockpit digitale configurabile e il display del sistema MBux, nonché le cinque bocchette circolari della climatizzazione. In particolare, stupisce la zona posteriore, dove lo spazio per le gambe dei passeggeri risulta abbondante anche quando il divanetto (che può scorrere per 14 cm) è completamente avanzato. Con questa configurazione, è possibile ricavare lo spazio per gli eventuali due passeggeri della terza fila opzionale (secondo la Casa, non più alti di 1,68 metri), o incrementare la capacità minima del bagagliaio da 570 a 739 litri (quella massima è pari a 1.805 litri).

Raffinata e tecnologica. Spazio e versatilità vanno a braccetto con finiture allaltezza dei canoni del brand e con la possibilità di poter fruire, di serie o a richiesta secondo gli allestimenti, di numerose dotazioni tecnologiche o relative alla connettività, ai servizi online, alla sicurezza e al miglioramento del confort. Per le versioni con la trazione integrale 4Matic è previsto anche un pacchetto Offroad che ottimizza la motricità su ogni tipo di fondo e offre la rappresentazione grafica della vettura sul display del sistema MBux.

Disinvolta e rassicurante. Alla prova dei fatti, il pacchetto tecnico permette alla 220d 4Matic di affrontare in scioltezza anche le situazioni più difficili. Sui percorsi asfaltati, la GLB è disinvolta e rassicurante, specie quando la configurazione Sport rende più rigido lassetto adattivo (optional). Tenendo a bada il rollio per favorire lagilità, ma senza intaccare la buona capacità di assorbire le asperità del fondo, la GLB passa da una curva allaltra con determinazione e risponde prontamente a ogni sollecitazione. Lo sterzo, progressivo e preciso ma non molto comunicativo, permette di sfruttare adeguatamente la verve del due litri turbodiesel da 190 CV e 400 Nm di coppia, sempre ben supportato dal cambio a doppia frizione a otto marce. Di conseguenza, si può sempre contare su spinte adeguate alla pressione del gas.

Due versioni a benzina, quattro a gasolio. La 220d 4Matic è in vendita a prezzi che partono da 48.573 euro: adottano la trazione integrale anche la 250 turbobenzina di due litri da 224 CV (a partire da 48.107 euro) e la 200d, dotata di 150 CV in più (da 42.973 euro). Questultima si può scegliere anche nella versione con la trazione anteriore (da 38.443 euro), mentre la 180d (col duemila turbodiesel da 116 CV) e la 200 (con l1.3 turbobenzina da 163 CV) hanno la sola trazione anteriore e partono, rispettivamente, da 35.390 euro e da 39.129 euro. Il ventaglio degli allestimenti è composto dallExecutive, dal Business, dallo Sport e dallo Sport Plus oltre che dal Premium.

Categorie: 4 Ruote

Mercedes-AMG - Al volante della GLB 35 4Matic

4 Ruote - Nov 27,2019

 

Nella galassia di Stoccarda, due numeri bastano e avanzano per catturare lattenzione degli appassionati: il tre e il cinque. In questo caso, descrivono la variante prestazionale della Mercedes GLB, la AMG 35, che sarà messa in vendita allinizio del prossimo anno a un prezzo dattacco  compreso tra i 50 e i 55 mila euro.

Suv in formato hot. Dopo le cure di Affalterbach, anche la GLB propone una meccanica speculare a quella delle altre 35: il motore è un turbobenzina di due litri da 306 CV e 400 Nm di coppia, associato alla trazione integrale 4Matic e al cambio automatico doppia frizione a otto marce. Il telaio è stato irrigidito e ora si abbina a sospensioni aggiornate e a uno sterzo parametrico per garantire una maggiore precisione di guida. Non mancano un impianto frenante maggiorato e dettagli estetici distintivi, tanto per gli esterni, quanto per labitacolo. Insomma, anche se rientra tra le AMG più tranquille, la GLB 35 ha tutto quello che serve per una vettura capace di raggiungere i 250 km/h (autolimitati) e scatta da 0 a 100 km/h in 5,2 secondi.

Dr. Jekill e Mr. Hyde. A prescindere dalle performance, la GLB 35 è una Suv che rientra in pieno fra quelle facilmente utilizzabili nelluso quotidiano. Sa muoversi con la stessa naturalezza delle consanguinee meno spinte e offre un confort analogo, che non viene intaccato eccessivamente dalle modalità di guida più dinamiche. In Sport e Sport+, lassetto adattivo opzionale si irrigidisce e il suono del motore diventa più grintoso, come anche il suo carattere.

Cuore generoso e muscoli forti. Il due litri turbobenzina non esita ad assecondare ogni minima sollecitazione dellacceleratore sino a 6.000 giri, grazie anche alla rapidità con cui il cambio automatico doppia frizione a otto marce mette a disposizione il rapporto giusto, sia in automatico sia usando i paddle. Pur avendo un baricentro rialzato, la GLB si presta a una guida dinamica, anche per merito di un assetto particolarmente composto. La trazione integrale, sviluppata ad hoc, garantisce unelevata motricità ed è gestita da unelettronica che contribuisce a migliorare lhandling.

La sportività sposa la versatilità. La cura ricostituente da cui scaturisce la 35 non impone rinunce sul fronte degli optional offerte dalle altre GLB: la vettura, infatti, è disponibile anche in configurazione a sette posti e, come ogni altra consanguinea, propone anche la strumentazione digitale e il sistema MBux aggiungendo, però, grafiche e schermate specifiche.

Categorie: 4 Ruote