Aggregatore di feed

Rimac - Le hypercar elettriche dell'affaire Bugatti - FOTO GALLERY

4 Ruote - 2 ore 46 min fa

Non solo Tesla: levoluzione delle auto elettriche ha dato vita a tante piccole aziende che stanno puntando forte sulla mobilità a zero emissioni. Tra queste cè anche la Rimac Automobili, una Casa croata fondata nel 2009 alle porte di Zagabria dopo che il suo patron, Mate Rimac, era già riuscito nellintento di installare un powertrain elettrico su una vecchia BMW Serie 3.

Ambizione croata. Di fatto, quellidea nata in un garage (ricordate gli esordi della Apple?) si è trasformata in una moderna startup, oggi persino in trattativa con il gruppo Volkswagen per l'acquisizione della Bugatti, di cui vi raccontiamo la storia, i modelli e altre curiosità nella nostra galleria dimmagini. Del resto, si tratta di una realtà che fa gola ai grandi colossi dellauto e offre lavoro a 700 persone, come litaliano Daniele Giachi, direttore dellengineering aziendale, al quale abbiamo fatto qualche domanda sulla nuova C_Two. Lintervista, che troverete su Quattroruote di ottobre, fa parte di un più ampio reportage di otto pagine in cui linnovatore Mate Rimac ci apre le porte della sua azienda, per poi darci lopportunità di guidare proprio il nuovo bolide della Casa.

Categorie: 4 Ruote

Nissan Ariya - La Suv elettrica debutta in Italia

4 Ruote - 3 ore 37 min fa

La Nissan Ariya è stata esposta in anteprima mondiale a Roma in occasione dell'evento "Nissan sotto una nuova luce". La Suv elettrica, svelata online a luglio, porta al debutto il nuovo logo della Casa giapponese ed è stata la protagonista della prima conferenza stampa in presenza organizzata dalla filiale italiana del costruttore dopo il lockdown causato dall'emergenza coronavirus. Durante l'evento è stato presentato anche il nuovo presidente e amministratore delegato di Nissan Italia, Marco Toro, in carica dallo scorso agosto.

 

 

Fino a 500 km d'autonomia. La Suv elettrica esposta nella capitale era l'ultimo prototipo realizzato prima dell'entrata in produzione del modello di serie. Basata su una nuova piattaforma a batteria, la Ariya è lunga quattro metri e 59 centimetri e si posiziona dunque tra le attuali X-Trail e Qashqai. Pensata per entrare in uno dei segmenti più roventi del mercato, la Suv a zero emissioni verrà proposta in diverse varianti con due ruote motrici o con la trazione integrale e-4orce. I clienti potranno scegliere batterie da 87 o 63 kWh che garantiranno un'autonomia massima di 500 km: con gli accumulatori più capienti le versioni a quattro ruote motrici arriveranno a percorrere fino a 460 km, mente la variante di punta della gamma, la Performance da 394 CV, proporrà un'autonomia di 400 km. La Ariya disporrà di numerosi sistemi di sicurezza e assistenza alla guida, che si potranno gestire tramite il doppio display da 12,3 pollici del quadro strumenti digitale e dell'infotainment connesso.

Due giorni di test drive elettrico. Per vedere la Ariya su strada bisognerà attendere ancora qualche mese, ma per promuovere la mobilità a zero emissioni la Casa giapponese ha lanciato una nuova offerta, Nissan EV-Care. Dal primo di ottobre, i clienti che si avvicinano al mondo delle elettriche potranno provare la Nissan Leaf per 48 ore, così da sperimentare nella vita di tutti i giorni l'utilizzo di un'auto a batteria. Prenotandosi tramite il sito del costruttore, sarà possibile aderire all'iniziativa: un call center richiamerà il cliente per fissare le date della prova e concordare il ritiro dell'auto in una delle concessionarie italiane del marchio. Con l'acquisto di una nuova Leaf la Nissan offrirà l'installazione gratuita di una wallbox di ricarica nel garage del cliente, che potrà inoltre accedere tramite l'App Nissan Charge a una rete di 9.000 colonnine in tutta Italia.

Il nuovo ad. Marco Toro, nuovo presidente e amministratore delegato di Nissan Italia, inizia la sua carriera nella filiale italiana del marchio nel 1994 come coordinatore del dipartimento IT. Già nel 1995 passa alla Direzione Aftersales, per poi approdare alla Direzione Qualità Clienti e Sviluppo Rete, alle Risorse Umane e alla Direzione Vendite. Laureato in ingegneria elettronica, Toro lavora allo Sviluppo rete dell'Alleanza per la filiale europea del marchio dal 2003 al 2004 prima di tornare in Italia con il ruolo di Direttore per Qualità Clienti e Sviluppo Rete, per poi prendere la posizione di Direttore Aftersales. Dal 2009 al 2012 assume il ruolo di Direttore Vendite di Nissan Italia, per poi approdare alla filiale portoghese nel 2012 come Direttore Generale e diventare Amministratore Delegato di Nissan Iberia nel 2013.

Categorie: 4 Ruote

Sul numero di ottobre - Telemetria tascabile, confronto in pista tra cinque app - VIDEO

4 Ruote - 4 ore 46 min fa

La telemetria arriva in Formula 1 negli anni 80 e porta con sé due rivoluzioni: migliaia di informazioni a disposizione degli ingegneri per migliorare le monoposto e i piloti che non possono più dire bugie sui curvoni fatti in pieno, perché lacquisizione dati è la macchina della verità. Oggi, tutto questo è a portata di smartphone, con sistemi che dialogano con la vettura e raccolgono tutti i dati fondamentali durante la guida in pista, da analizzare poi a fine sessione.

Test a Vairano. Per capire come funzionano e quanto sono efficaci, abbiamo portato a Vairano i sistemi di BMW, Lamborghini, Mercedes-AMG, Porsche e Pirelli, mettendoli a confronto con la strumentazione che usiamo per i nostri hot lap. Tutti i risultati sono riportati nella prova speciale di ben sei pagine che potete trovare su Quattroruote di ottobre.

Categorie: 4 Ruote

Audi Q5 Sportback - Si chiude il cerchio della gamma Suv-coupé

4 Ruote - 7 ore 46 min fa

Sembra non conoscere soste la crescita della gamma delle Suv con carrozzeria sportiva dell'Audi. Dopo la grande Q8 e la piccola Q3 Sportback, la famiglia delle coupé rialzate accoglie il terzo membro, che va a collocarsi esattamente nel mezzo tra le altre due: la Q5 Sportback.

Debuttano gli Oled. Caratterizzata dal design più sfuggente del padiglione, che la accomuna alle sorelle appena citate, l'ultima nata arriva a distanza di pochi mesi dal lancio della Q5 restyling e dunque ne eredita tutti gli aggiornamenti. A partire da quelli estetici: spiccano tra questi i gruppi ottici posteriori con tecnologia Oled, provenienti dall'Audi A8. Le luci, con grafica tripartita, si animano secondo tre diverse firme luminose e propongono diverse sequenze di accensione, abbinate per esempio alle funzioni di "coming home", "leaving home" o alla modalità di guida dynamic. Da segnalare anche la modalità di segnalazione di prossimità, in cui tutti i Led si accendono contemporaneamente quando la vettura è ferma e un altro soggetto o veicolo si avvicina a una distanza inferiore di due metri dall'auto.

Dimensioni identiche alla Q5. Lunga 4,69 metri, la carrozzeria della Sportback si discosta di poco da quella della Q5 di partenza: è più lunga di otto millimetri, ma larghezza (1,89 metri), altezza (1,66) e passo (2,82) sono identici. Sempre a proposito di misure, il bagagliaio (con portellone elettrico di serie) ha una capacità minima di 510 litri, che diventano 1.480 con i sedili posteriori abbattuti.

Tre varianti d'assetto. Su tutte le varianti del nuovo modello è proposto di serie l'assetto sportivo. A richiesta, lo stesso è disponibile anche in abbinamento agli ammortizzatori idraulici, mentre al vertice della gamma si trova la variante con sospensioni pneumatiche adattive, che permettono di rialzare il corpo vettura di 45 millimetri per la marcia in fuoristrada, di abbassarlo di 15 nella modalità di guida dynamic e di ridurre la sola altezza dell'asse posteriore di 55 millimetri per facilitare il carico del bagagliaio.

TDI: c'è l'ibrido mild. Per quello che riguarda le motorizzazioni, al lancio sarà disponibile soltanto il 2.0 TDI con sistema mild hybrid a 12 volt, che dispone di 204 CV e 400 Nm ed è abbinato alla trazione integrale inseribile quattro ultra e al cambio doppia frizione a sette marce S tronic. Questo powertrain dispone di un alternatore starter con azionamento a cinghia che è responsabile del recupero dell'energia e del suo immagazzinamento nell'apposita batteria agli ioni di litio. L'ibrido leggero così configurato permette anche di veleggiare a motore termico spento, quando viene rilasciato il pedale del gas, e di attivare lo start&stop alla soglia dei 22 km/h, incrementando i benefici sul consumo nella marcia cittadina.

Doppio dosaggio di urea. Degno di nota è anche il sistema di iniezione dell'AdBlue nell'impianto di scarico. Questo quattro cilindri TDI, omologato Euro 6d, dispone di un doppio dosaggio dell'urea, che avviene a monte di ciascun catalizzatore Scr, uno più vicino al motore l'altro più a valle lungo il collettore. In questa maniera è possibile ottenere un maggiore effetto di riduzione delle emissioni di ossidi di azoto.

Più avanti i benzina, i plug-in e la SQ5. In un secondo momento rispetto al debutto arriveranno sul mercato italiano la nuova motorizzazione entry level 2.0 TDI 163 CV, il 3.0 V6 TDI con impianto mild hybrid a 48 volt e due differenti powerstep del 2.0 turbobenzina TFSI, a sua volta offerto con il mild hybrid a 12 volt. La gamma verrà completata da due motorizzazioni ibride plug-in, che ricalcheranno i livelli di potenza della Q5 (299 e 367 CV) e dalla sportiva SQ5 TDI.

La connettività. L'aggiornamento di metà carriera, inevitabilmente, ha prodotto un passo avanti anche per la connettività: la Q5 Sportback monta l'architettura elettronica Mib 3, il nuovo Audi virtual cockpit plus con display da 12,3" e lo schermo touch dell'infotainment da 10,1". Il sistema, che può essere completato con l'head-up display a richiesta, offre ricarica induttiva, connettività Android Auto e Apple CarPlay, recepisce comandi vocali di uso comune, risponde a domande di cultura generale attingendo al cloud e registra fino a sei diversi profili utente per tutta una serie di preferenze (posizione del sedile, clima, playlist, destinazioni frequenti...).

Gli Adas. Capitolo assistenza alla guida: la Q5 Sportback è predisposta per la comunicazione Car-to-X, che le consente di condividere con le altre Audi connesse informazioni sulla disponibilità di parcheggi, segnalazioni di pericolo, condizioni atmosferiche e limiti di velocità. Tra gli Adas spiccano Audi pre sense city, cruise adattivo, traffic jam assist e active lane assist. A richiesta, la dotazione può essere ampliata con assistenza alla svolta, avviso di uscita e Collision avoid assist con sterzata automatica.

Categorie: 4 Ruote

Sul numero di ottobre - Macchina vecchia? Ecco come cambiarla in maniera intelligente

4 Ruote - Set 25,2020

Immaginate di avere unauto ormai vecchiotta, ma ancora in buono stato, ma di volerla o doverla sostituire, perché si tratta di una Euro 4 o, peggio, di una Euro 3 diesel. Che soluzioni vi si prospettano? Cambiarla con una nuova, certamente, ma lesborso è notevole, le circostanze non sono favorevoli (situazione generale dincertezza, economia traballante): quindi, pensate a qualcosa di alternativo. Quattroruote lo ha fatto per voi, provando sul campo che cosa vi potrebbe capitare e valutando i pro e i contro di ogni soluzione in un corposo dossier, raccolto sotto la testata Quattrosoldi, ideata da Gianni Mazzocchi, nostro fondatore, già nel 1961, come prima rivista di difesa dei consumatori. A bordo di una Mazda3 Euro 4 a benzina del 2003 e di una Volvo XC70 Cross Country Euro diesel del 2003, inevitabilmente con un po di chilometri sulle spalle ma mantenute in buone condizioni dai loro proprietari, abbiamo visitato decine di concessionari, ipotizzando soluzioni diverse: la permuta con unauto usata Euro 6 a benzina e con una di pari caratteristiche a gasolio, la sostituzione con una km 0 disponibile nel punto vendita o con un esemplare nuovo, ma di un modello destinato a breve a essere rinnovato o uscito da poco di listino (è il caso, per esempio, della Toyota Yaris). Infine, abbiamo richiesto online dei preventivi per il noleggio di una vettura usata, in genere proveniente da un noleggio precedente, una soluzione proposta da un numero crescente di operatori del settore. Sul numero di ottobre di Quattroruote potete trovare i dettagli di tutte le nostre visite in incognito.  

Categorie: 4 Ruote

FCA-PSA - Presentate alla Ue le proposte per il via libera alla fusione

4 Ruote - Set 25,2020

La Fiat Chrysler Automobiles e la PSA hanno presentato alla Commissione Europea le proposte per alleviare i timori sollevati sulle conseguenze della loro fusione sul mercato europeo dei veicoli commerciali leggeri. A rivelarlo è stata la Direzione Generale per la Concorrenza che, però, non ha fornito dettagli su quale sia l'offerta avanzata dai due costruttori per ottenere il via libera all'operazione di integrazione.

Esame approfondito. La Commissione Europea ha deciso lo scorso giugno di avviare un'indagine approfondita sulla fusione perché i funzionari degli uffici antitrust hanno espresso il timore che l'operazione vada a ridurre la concorrenza sul mercato dei veicoli commerciali leggeri all'interno dello Spazio economico europeo e, in particolare, in 14 Stati membri dell'Unione Europea e nel Regno Unito (fino a fine anno ancora sottoposto ai regolamenti Ue): Belgio, Croazia, Repubblica Ceca, Francia, Grecia, Ungheria, Italia, Lituania, Lussemburgo, Polonia, Portogallo, Slovacchia, Slovenia e Spagna. Del resto, FCA e PSA sono leader in molti mercati nazionali: sulla base dei dati del 2019, i due gruppi possono contare su una quota complessiva di oltre il 40% in tutta l'Unione Europea e ben superiore al 50% in specifici Paesi. 

I possibili rimedi. Per risolvere la questione, i due costruttori si sono resi disponili sin da subito a collaborare con le autorità europee e a presentare eventuali "rimedi" per alleviare i timori dei funzionari di Bruxelles. Per il momento non è trapelato nulla di ufficiale, ma secondo alcune indiscrezioni di stampa, i francesi avrebbero proposto di rafforzare la loro attuale partnership con la Toyota. In particolare, la PSA sarebbe disposta ad aumentare la capacità produttiva della joint venture con i giapponesi nel campo proprio dei veicoli commerciali: il gruppo transalpino produce dal 2012 il Toyota Proace nello stabilimento francese di Hordain e sulla base di una modifica al loro accordo di collaborazione è previsto che PSA ampli la gamma di veicoli commerciali forniti ai giapponesi per il mercato europeo con un nuovo modello per il segmento dei furgoni compatti da produrre a Vigo, in Spagna.

Decisione sospesa. La commissione, che a luglio ha sospeso l'iter delle sue valutazioni per consentire ai due gruppi di presentare le proposte, non ha fissato una data per fornire il parere decisivo sull'operazione. Originariamente la decisione della Commissione era stata indicata per la fine di ottobre. La scadenza è ancora sospesa. Questa procedura nelle indagini sulle concentrazioni si attiva se le parti non forniscono, in modo tempestivo, un'importante informazione che la Commissione ha loro richiesto", ha affermato la Commissione. Ora l'iter prevede che Bruxelles chieda un riscontro ai clienti e ai concorrenti prima di decidere se chiedere ulteriori rimedi, dare il suo via libera oppure bloccare l'operazione.

Il commento. Per ora dai due costruttori non sono arrivati commenti né precisazioni. La Fiat Chrysler Automobiles e la PSA si sono limitate a prendere atto della conferma pervenuta dalla Commissione sul deposito delle proposte e a sottolineare ancora una volta che "continuano a lavorare in modo costruttivo con la Commissione europea e tutte le autorità competenti in materia di concorrenza in tutto il mondo". "Ad oggi, la transazione è stata approvata in quattordici giurisdizioni", hanno aggiunto i due costruttori ribadendo che "come annunciato in precedenza, il completamento della fusione è previsto per il primo trimestre del 2021".

Categorie: 4 Ruote

Formula 1 - Stefano Domenicali sarà il nuovo presidente

4 Ruote - Set 25,2020

Ora è ufficiale: Stefano Domenicali sarà il presidente e ceo della Formula 1. Dopo le indiscrezioni dei giorni scorsi, ora è arrivata la conferma da parte di Liberty Media. Domenicali inizierà a lavorare ufficialmente a partire da gennaio 2021, anche se in questi mesi sarà già operativo per il passaggio di consegne con Chase Carey, il quale resterà in F.1 in qualità di presidente non esecutivo.

Le parole di Domenicali. "Sono entusiasta di entrare a far parte dell'organizzazione della Formula 1, uno sport che ha sempre fatto parte della mia vita. Sono nato a Imola e vivo a Monza. Sono rimasto in contatto con questo sport attraverso il mio lavoro con la Commissione Monoposto della FIA e non vedo l'ora di entrare in contatto con i team, i promotori, gli sponsor e i molti partner della F.1", ha detto Stefano Domenicali. Il manager italiano ha anche aggiunto: "Gli ultimi sei anni in Audi e poi alla guida di Lamborghini mi hanno dato una prospettiva e un'esperienza più ampia che porterò con me nel circus".

Passaggio di consegne. Greg Maffei, presidente e ceo di Liberty Media, ha voluto prima di ogni cosa ringraziare Carey per il lavoro che ha fatto in questi anni: "Chase ha svolto un lavoro fenomenale alla guida della F.1. Ha messo insieme un'organizzazione commerciale e sportiva di prima classe che ha portato una lunga lista di risultati, tra cui l'aumento della presenza digitale, la definizione di nuovi regolamenti tecnici e il nuovo Patto della Concordia con le squadre". Poi il benvenuto a Domenicali: "Siamo entusiasti di dare il benvenuto a Stefano, che porta con é una ricca storia di successi in F.1 alla Ferrari e nell'industria automotive in generale con Audi e Lamborghini".

Categorie: 4 Ruote

F.1, GP Russia - Libere 2: le Mercedes davanti alla Renault

4 Ruote - Set 25,2020

Valtteri Bottas è stato il più veloce anche nella seconda sessione di prove libere del Gran Premio di Russia. Il finlandese ha preceduto di due decimi il compagno di squadra Hamilton, che però non ha brillato particolarmente. Lewis lamenta poca aderenza e non è riuscito a registrare un giro pulito ma, nonostante tutto, ha piazzato la sua Mercedes in seconda posizione. Terzo posto per Daniel Ricciardo e la sua Renault, a conferma del grande potenziale della R.S.20 sul circuito di Sochi.

La Mercedes vola in ogni condizione. La chiave di lettura fondamentale delle prove libere di oggi è che la pista è ancora green, come si dice in gergo, ossia sporca, poco gommata e quindi con scarsa aderenza. A questo si è aggiunto un fastidiosissimo vento a raffiche che ha disturbato molto l'attività in pista per queste vetture aerodinamicamente molto sensibili. Anche in queste condizioni, la Mercedes ha dimostrato tutto il proprio potenziale, staccando ugualmente gli avversari con relativa facilità. Basti pensare che il più vicino è  Ricciardo, che ha un secondo netto di ritardo. Per laustraliano, comunque, il weekend sembra promettere bene, visto anche il ritmo avuto nella simulazione della gara.

Molto indietro Red Bull e Ferrari. Deludente la prestazione della Red Bull Racing: Verstappen non ha celato il suo malcontento per non aver trovato ancora il giusto bilanciamento e in pista ha commesso qualche errore di troppo che gli ha impedito di fare un giro davvero pulito. L'olandese ha chiuso settimo e il suo compagno di squadra Albon è addirittura undicesimo, alle spalle dell'AlphaTauri di Gasly. La Ferrari resta indietro, così come da previsione, con Leclerc ottavo e Vettel nono. La SF1000 dispone di piccole novità sulla SF1000, ma non sono chiaramente componenti che possono colmare il gap di un secondo e mezzo dalla vetta.

Clicca qui per i risultati completi delle Libere 2 a Sochi

Categorie: 4 Ruote

Ford Mustang Mach-E - La GT arriverà in Europa nel 2021

4 Ruote - Set 25,2020

Anche i clienti europei potranno presto ordinare la Ford Mustang Mach-E GT. Si tratta della variante più potente della Suv elettrica americana, già presentata negli Stati Uniti. Le consegne nel Vecchio Continente sono previste nella seconda parte del 2021 e il prezzo non è stato ancora reso noto: infatti, dal configuratore italiano restano per ora selezionabili solo le varianti base e Awd con prezzi a partire da 49.900 euro.

465 CV e 500 km di autonomia. La Mustang Mach-E GT adotta un powertrain con doppio motore elettrico e trazione integrale, da 465 CV e 830 Nm di coppia massima. Le prestazioni consentono di toccare i 100 km/h da fermo in 3,7 secondi. La velocità massima è autolimitata a 200 km/h e le batterie da 88 kWh permettono di percorrere fino a 500 km con un ciclo di carica, con la possibilità di fare rifornimento di energia dalle colonnine Ionity a 150 kW attraverso i servizi FordPass. 

Colori e accessori unici per la GT. L'allestimento della versione GT include elementi chiave per la dinamica di guida come i cerchi da 20" con pneumatici ribassati e le sospensioni MagneRide a controllo elettronico, mentre all'interno sono previsti i sedili firmati Ford Performance e il volante con rivestimenti di pelle scamosciata. Le pinze dei freni rosse e le tinte esclusive Grabber Blue e Cyber Orange caratterizzano ulteriormente questa variante rispetto alle altre Mach-E. 

Categorie: 4 Ruote

Volkswagen Golf - La versione a metano in Italia con prezzi a partire da 32.500 euro

4 Ruote - Set 25,2020

La Volkswagen Golf 8 è ora disponibile anche nella versione TGI a metano. In Italia, i clienti potranno acquistare questa variante con prezzi a partire da 32.500 euro negli allestimenti Life e Style. Le consegne sono previste entro la fine del 2020.

Oltre 400 km con un pieno di metano. La Golf a gas naturale adotta il motore 1.5 TSI nella specifica versione da 130 CV e 200 Nm a ciclo Miller abbinato di serie al cambio automatico doppia frizione a sette marce Dsg. Con 17,3 kg di metano distribuito in tre bombole, è possibile percorrere oltre 400 km: a prolungare l'autonomia, poi, ci sono ulteriori nove litri di benzina. La TGI tocca i 211 km/h di punta massima e dichiara emissioni calcolate nel ciclo Wltp comprese tra 111 e 116 g/km. 

Life o Style con l'infotainment da 10,25" in promozione. L'allestimento Life offre di serie i cerchi di lega da 16", i gruppi ottici a Led, il sistema keyless, il Climatronic, il volante foderato di pelle, il Digital Cockpit, la ricarica wireless per lo smartphone, i sensori di parcheggio, il sistema Car2X, il Fatigue Detection, il Front Assist, il cruise control adattivo, il Lane Assist, il Dynamic Light Assist e il pacchetto di servizi We Connect Plus. La variante Style aggiunge i cerchi da 17", i gruppi ottici anteriori IQ Light Led Performance, il Climatronic tri-zona, il sedile del guidatore ergoActive regolabile elettricamente, l'Emergency Assist, il Light Pack e il Travel Assist 2.0. Per i clienti che ordineranno la vettura al lancio, sarà incluso nella dotazione anche l'infotainment Discover Pro con schermo da 10,25 completo di navigatore, comandi vocali e Wireless App-Connect. 

Categorie: 4 Ruote

F.1, GP Russia - Libere 1: Bottas il più veloce, incidente per Sainz

4 Ruote - Set 25,2020

Con la prima sessione di prove libere, il weekend del Gran Premio di Russia è entrato nel vivo. Il più veloce, nei primi novanta minuti, è stato Valtteri Bottas. Il finlandese della Mercedes si è lasciato tutti alle spalle grazie a un tempo di 1:34.923, staccando di mezzo secondo la Renault di Daniel Ricciardo e la Red Bull di Max Verstappen. Solamente diciannovesimo Lewis Hamilton che, alla luce di una pista ancora sporca e con poco grip, ha preferito concentrarsi più sul passo gara senza tirare troppo, evitando di prendersi rischi come è invece successo ad altri suoi colleghi.

Pista sporca e tanti errori. L'asfalto liscio è ancora molto sporco e questo ha portato a vedere diversi errori da parte di alcuni piloti. Carlos Sainz è stato il primo a perdere la sua MCL35, andando a sbattere - per fortuna a bassa velocità - contro le barriere. Il pilota spagnolo è riuscito a riportare ai box la vettura con evidenti danni al retrotreno che non gli hanno consentito di terminare la sessione. In qualche modo è andata ancora peggio a Nicholas Latifi che è andato a sbattere nello stesso punto di Sainz, ma a una velocità maggiore: tanti i danni alla sua Williams che costringeranno i meccanici del team di Grove a un lavoro extra. Più fortunato, invece, Romain Grosjean: il francese è finito in testacoda sempre allaltezza di Curva 7, ma è riuscito fortunosamente a non riportare danni alla sua Haas.

La Top 10. A parte il diciannovesimo tempo di Hamilton, la classifica non riserva grandi sorprese e ci dà comunque un primo spaccato dei valori in campo, nonostante i tempi siano ancora da prendere con le pinze. La Renault sicuramente conferma il suo grande passo avanti, con Ricciardo secondo e Ocon sesto, ma anche la Racing Point si conferma in gran forma, con Perez e Stroll rispettivamente in quarta e quinta posizione. Il team di Silverstone ha validato al Mugello, due settimane fa, una serie di novità di chiara ispirazione Mercedes e oggi ha introdotto altre piccole chicche aerodinamiche. Inizio positivo anche per le due AT01 della Scuderia AlphaTauri, con Kvyat settimo e Gasly decimo. Tra loro, troviamo la Red Bull di Albon e la Ferrari di Vettel.

Guarda i risultati completi delle Libere 1 a Sochi

Categorie: 4 Ruote

Audi A3 - Aperti gli ordini per le versioni 1.0 mild hybrid e g-tron

4 Ruote - Set 25,2020

L'Audi ha aperto gli ordini in Italia per la A3 30 TFSI Mhev S Tronic e per la 30 g-tron S tronic. Si tratta di due versioni già annunciate in precedenza e ora disponibili, rispettivamente, con prezzi a partire da 30.150 e 31.900 euro.

La 1.0 ibrida ora anche automatica. La A3 30 TFSI Mhev adotta l'1.0 litri tre cilindri da 110 CV e 200 Nm con sistema mild ybrid a 48V e viene ora proposta anche con il cambio automatico, che affianca il manuale già disponibile. Prestazioni e consumi migliorano grazie alle doti del doppia frizione a sette marce: la Sportback, infatti, dichiara percorrenze da 19,6 km/l ed emissioni di 116-130 g/km di CO2 nel ciclo Wltp, mentre la Sedan fa ancora meglio, arrivando a 20 km/l e 113-127 g/km. Gli stessi valori, calcolati nel ciclo Nedc, sono invece compresi tra 99 e 104 g/km.

La A3 a metano. La A3 Sportback 30 g-tron è la variante a metano basata sul 1.5 TFSI. Questa unità vanta una messa a punto specifica per l'alimentazione bi-fuel e dichiara 131 CV e 200 Nm di coppia massima. L'automatico è l'unico cambio disponibile e consente di toccare i 211 km/h passando da 0 a 100 km/h in 9,7 secondi. Le emissioni medie nel ciclo Wltp sono comprese tra 108 e 116 g/km e l'autonomia con oltre 17 kg di metano a bordo è pari a 445 km, con percorrenze da oltre 26 km/kg. La vettura mantiene un serbatoio da nove litri di benzina. 

 

Categorie: 4 Ruote

Ferrari<br> - Omologata, la nuova one-off di Maranello

4 Ruote - Set 25,2020

Omologata. Un aggettivo che a Maranello assume una connotazione estremamente particolare. Nella storia del Cavallino molte auto da corsa sono state targate e messe su strada e l'idea alla base della nuova one-off Ferrari Omologata è proprio questa: portare le tecnologie della pista sulle strade di tutti i giorni. Il decimo esemplare unico basato su una piattaforma a dodici cilindri sfrutta la meccanica della 812 Superfast per garantire prestazioni elevatissime, come dimostrato durante il debutto tra i cordoli del circuito di Fiorano.

In aggiornamento

Categorie: 4 Ruote

Jeep - Negli Usa debuttano le versioni 80th Anniversary

4 Ruote - Set 25,2020

La Jeep ha presentato negli Stati Uniti l'allestimento speciale 80th Anniversary dedicato a tutti i modelli e disponibile sui Model Year 2021 in consegna nei prossimi mesi. Con questa serie limitata verrà proposto anche il Jeep Wave Customer Care Program, un pacchetto che include tre anni di manutenzione gratuita, supporto 24 su 24 e accesso ad aventi esclusivi organizzati dalla Casa.

Colori e accessori dedicati. Per celebrare l'importante ricorrenza, l'edizione speciale 80th Anniversary punta su un look distintivo e sulla ricchezza delle dotazioni. Per le Wrangler e Gladiator sono previsti cerchi di lega da 18" in tinta Granite Crystal, griglie e cornici dei gruppi ottici Neutral Grey, parafanghi in tinta, interni rivestiti di tessuto con cuciture Light Tungsten, finiture Anodized Gunmetal per la plancia, tappetini personalizzati e infotainment Uconnect da 8,4 pollici. Su Cherokee, Compass e Renegade troviamo le stesse combinazioni di accessori e livree abbinate a cerchi da 19" e a interni rivestiti di pelle (quest'ultimi non disponibili sulla Renegade). La Grand Cherokee, infine, monta i cerchi da 20", ha gli interni con rivestimento di pelle e adotta il pacchetto di Adas Protech II. 

Categorie: 4 Ruote

Skoda Fabia - Confermato per il 2021 il debutto della nuova generazione

4 Ruote - Set 25,2020

La Skoda ha pianificato per il 2021 il lancio della nuova generazione della Fabia. L'intera gamma del marchio è stata rinnovata e ampliata, e la piccola è rimasta l'unica assente all'appello. 

Il 2021 è l'anno della Fabia. A confermare la notizia è il nuovo ad della Casa boema, Thomas Schäfer, anticipando alcune informazioni nel corso della presentazione della Enyaq iV, che coincide con i festeggiamenti per i 125 anni della Skoda. Il lancio della nuova Fabia rientra nel piano Strategy 2025 già approvato in precedenza e per il momento non sono stati forniti dettagli: con ogni probabilità, la vettura sfrutterà la piattaforma Mqb-A0 comune alle cugine Volkswagen Polo e Seat Ibiza.

Wagon in dubbio, diesel assenti. La Fabia proposta attualmente a listino presenta due elementi distintivi rispetto alle altre cugine del gruppo: è infatti l'unica declinata anche in carrozzeria wagon e, con il restyling, ha abbandonato le motorizzazioni diesel. Sarà interessante capire se la prossima generazione manterrà queste peculiarità. 

Categorie: 4 Ruote

Ring - Presentati tre dispositivi dedicati alla sicurezza dell'auto

4 Ruote - Set 25,2020

Ring, controllata di Amazon operativa nella sicurezza domestica e nelle tecnologie per le smart home, ha presentato tre nuovi dispositivi dedicati allauto. Acquistabili tramite il sito dellazienda o attraverso la piattaforma del gigante delle-commerce a partire dal 2021, Car Alarm, Car Cam e Car Connect saranno proposti al prezzo, rispettivamente, di 59,99 dollari (52 euro) il primo e 199,99 dollari (172 euro) ciascuno degli altri due.

Rileva gli urti. Car Alarm si collega alla interfaccia Obd2 della vettura e funziona, come gli altri due, con il supporto di una app. Quando il veicolo viene urtato in assenza del proprietario, o in caso di effrazione, il device invia un alert sul suo telefonino. Il sistema può attivare anche una sirena o segnali dallarme multipli, qualora il dispositivo si collegato ad altri device Ring o ad Alexa. Alcune proprietà di Car Alarm richiederanno la connettività ad Amazon Sidewalk, una rete condivisa per dispositivi smart che Amazon lancerà entro la fine dellanno mettendola a disposizione dei clienti gratuitamente.

Chiama i soccorsi. Il secondo prodotto è Car Cam, una videocamera di sorveglianza intelligente che sfrutta la connessione wifi o Lte. In caso di danneggiamento o tentativo di furto, questo device invia un avviso e attiva una registrazione che può essere trasmessa in streaming sullo smartphone del proprietario dellauto. Ma è utile anche quando la vettura è in movimento: la funzione Emergency Crash Assist, infatti, avverte i soccorsi in caso di incidente, segnalando la posizione.

Gli onboard sulla app. Infine, Ring Car Connect è uninterfaccia di programmazione pensata per i costruttori dauto: una API che consente ai clienti di collegare lauto alla rete di Ring per ricevere avvisi relativi a eventi, guardare filmati registrati dalla telecamera di bordo e di accedere via telefonino ad informazioni relative allauto (per esempio verificare se è aperta o chiusa). Le prime auto compatibili con questa tecnologia sono i modelli della Tesla.

Categorie: 4 Ruote

Stati Uniti - Manipolazione dei dati di vendita: BMW concorda una multa da 18 milioni di dollari

4 Ruote - Set 25,2020

La BMW AG e due sue filiali statunitensi hanno patteggiato una multa da circa 18 milioni di dollari (15,4 milioni di euro) per archiviare le accuse di manipolazione dei dati di vendita mosse dalla Securities Exchange Commission. I numeri gonfiati avrebbero permesso alla Casa dellElica di raccogliere circa 18 miliardi di dollari (15,4 miliardi di euro) in offerte di obbligazioni societarie da parte degli investitori.

L'accusa. Secondo la SEC, la BMW avrebbe aumentato artificialmente il dato delle vetture consegnate facendo registrare alle concessionarie delle compravendite per vetture ancora in giacenza a magazzino. Questo dice lente federale statunitense al fine di colmare il divario tra le vendite effettive e gli obiettivi fissati dalla compagnia, allo scopo di mantenere pubblicamente una posizione di leadership nelle vendite al dettaglio tra i marchi premium.

La raccolta di fondi. Ma cè di più. Per la Securities Exchange Commission, la filiale nordamericana della BMW avrebbe mantenuto una riserva di vendite di veicoli al dettaglio non dichiarata, internamente definita banca, da utilizzare per raggiungere gli obiettivi mensili qualora si fossero registrate vendite al di sotto dei target. La SEC ha poi affermato che la Casa tedesca avrebbe pagato i concessionari per immatricolare alcune auto, designate ai test-drive dei clienti oppure date in prestito, affinché venissero conteggiate nelle vendite. In sostanza, afferma la SEC, la BMW ha indotto in errore gli investitori nella valutazione delle sue performance di vendita al dettaglio e della domanda di vetture da parte dei clienti nel mercato americano mentre stava raccogliendo capitali negli Usa.

La replica dell'Elica. Lindagine della SEC è iniziata alla fine dello scorso anno, ma per lente federale le pratiche scorrette del costruttore tedesco sarebbero durate dal 2015 al 2019. La BMW, dal canto suo, ha replicato in una nota che non esiste alcuna prova che la Casa abbia tenuto un comportamento scorretto intenzionalmente aggiungendo che la BMW attribuisce grande importanza alla correttezza dei dati di vendita e che continuerà a focalizzarsi sul fornire report sulle vendite completi e coerenti.  

Categorie: 4 Ruote

Rc auto - Solo due italiani su dieci hanno fatto ricorso all'opzione familiare

4 Ruote - Set 25,2020

Solo due italiani su dieci hanno approfittato della nuova Rc auto familiare e quindi della possibilità di ottenere la classe di merito migliore per tutti i componenti di una famiglia.  quanto emerge da un'indagine condotta dalla Nielsen per conto di Prima Assicurazioni sulla base di interviste a una campione di possibili beneficiari. In particolare, dal 16 febbraio, quando è entrata in vigore la nuova disposizione, appena il 21,3% è ricorso ai vantaggi della polizza. 

Pesa il lockdown. Tale risultato è legato alle misure del lockdown, che hanno spinto il 60,7% degli italiani a rinviare l'acquisto di una nuova auto o di una nuova moto. Di questi, il 43,4% ha posticipato l'acquisto per le conseguenze economiche della pandemia da coronavirus. Tra gli altri motivi per il mancato utilizzo della formula familiare spicca la scarsa informazione e comprensione della norma (31,7%), mentre il 16% degli intervistati non ha stipulato nuove polizze negli ultimi sei mesi. Inoltre, il 25,9% non ha beneficiato dellopzione perché ha un solo veicolo nel proprio nucleo familiare e il 22,7% degli intervistati ha tutti i componenti della famiglia nella prima classe di merito. Solo il 2,4% non ha potuto accedere ai benefici della norma perché al momento della stipula della polizza aveva alle spalle un sinistro con colpa negli ultimi cinque anni.

Il commento. "L'Rc auto familiare costituisce senza dubbio un vantaggio per i consumatori che possono allineare tutti i componenti della propria famiglia alla prima classe di merito, tuttavia finora è apparsa poco efficace anche a causa del lockdown che ha frenato il mercato auto, spiega Giacomo Testa, Head of Analytics di Prima Assicurazioni. Si parla spesso della necessità di una maggiore educazione finanziaria per gli italiani, ma lo scarso ricorso allopportunità offerta dalla nuova norma da parte dei possessori di veicoli dimostra che sia il pubblico sia gli attori del settore devono lavorare ancora molto anche sulla formazione di una cultura assicurativa, per permettere alle persone di beneficiare dei vantaggi  normativi e di mercato.

Categorie: 4 Ruote

Volkswagen-Uber - La e-Golf al centro di un progetto di ride hailing sostenibile

4 Ruote - Set 25,2020

La Volkswagen e Uber hanno lanciato un progetto finalizzato a favorire lutilizzo dei veicoli elettrici nellambito di Uber Green, il servizio di ride hailing sostenibile avviato dallazienda statunitense. In particolare, i partner di autonoleggio della piattaforma californiana potranno ora contare sulla e-Golf come alternativa a emissioni zero ai vari modelli Volkswagen disponibili a Berlino. La Casa tedesca ha già utilizzato questo modello dal 2018 per il proprio servizio di car sharing We Share.

Obiettivi a medio e lungo termine. La collaborazione tra le due società segna un ulteriore passo avanti nelle rispettive strategie di elettrificazione. Il gruppo Volkswagen prevede infatti di introdurre, entro il 2022, veicoli elettrici in tutti i principali segmenti di mercato, prevedendo investimenti pari a 33 miliardi di euro da qui al 2024 (di cui 11 a livello di singolo brand). Nelle intenzioni della Casa, in particolare, vi è la volontà di arrivare a produrre, entro il 2025, fino a 1,5 milioni di auto a emissioni zero. Uber, dal canto suo, ha recentemente annunciato lintenzione di trasformarsi, entro il 2040, in una piattaforma interamente dedicata alla mobilità elettrica.

Categorie: 4 Ruote

Iniziativa green - Mazda MX-30, la prima elettrica "mette radici" a Roma

4 Ruote - Set 24,2020

Dal sughero al sughero. Mazda torna - è proprio il caso di dirlo - alle sue radici e, a 100 anni dalla sua fondazione - cioè quando nacque da un'azienda che si occupava della produzione di sughero - promuove la creazione di un bosco di querce allinterno del Parco Regionale dellAppia Antica, a Roma. Liniziativa, varata in coincidenza con linizio della commercializzazione della MX-30, prima automobile elettrica della Casa di Hiroshima, prevede la piantagione di 68 alberi da sughero (uno per ogni concessionario e riparatore italiano, più uno per Mazda Italia) a testimonianza dellimpegno sul fronte dell'ecosostenibilità.

Radici nel futuro. Il claim Radici nel Futuro per non cambiare il volto del pianeta riassume lapproccio che lazienda ha scelto in campo ambientale. In genere, le radici appartengono al passato; in questo caso, quelle di Mazda, simboleggiate dal sughero, rappresentano il futuro e si concretizzano nella nuova MX-30, vettura elettrica per cui la filiale italiana ha già raccolto un centinaio di prenotazioni. Nell'area in cui sorgerà il bosco della Mazda, i guardaparco potranno muoversi con la MX-30 che la Mazda ha consegnato al gestore e che potrà essere ricaricata tramite pannelli fotovoltaici. Con la collaborazione di Sunerg Solar Energy, saranno installati pannelli fotovoltaici allinterno della Ex-Cartiera Latina, sede dellEnte Parco Regionale dellAppia Antica: la struttura fornirà lenergia elettrica necessaria per ricaricare la MX-30.

Green anche nei materiali. La sport utility di Hiroshima sposa la filosofia dell'ecosostenibilità a tutto tondo, non solo nella propulsione: è realizzata con materiali ecosostenibili ed è lunica auto al mondo ad utilizzare, per i propri interni, il sughero. Questo materiale si estrae dalla corteccia della quercia senza abbatterla e, ogni volta che viene raccolto, si fa in modo che lalbero assorba una quantità maggiore di anidride carbonica per favorire il processo di rigenerazione della corteccia. Si calcola che le querce da sughero regolarmente scortecciate assrobano un quantitativo di anidride carbonica da tre a cinque volte superiore alla norma: nel caso della MX-30, la quantità di CO2 assorbita dal sughero utilizzato per produrre ciascun esemplare è pari a soli 1,2 kg.

Categorie: 4 Ruote