Parigi - PSA contribuirà al restauro di Notre-Dame

4 Ruote - Apr 17,2019

Il settore automobilistico francese si mobilita per contribuire alla ricostruzione della cattedrale di Notre-Dame a Parigi. Il gruppo PSA, proprietario dei marchi Peugeot, Citroën, DS e Opel, ha annunciato l'intenzione di partecipare alle spese per la rinascita di uno dei patrimoni dell'umanità dell'Unesco, mentre la Renault sembra prossima a svelare un suo contributo. 

Modalità allo studio della Fondazione. Il produttore automobilistico guidato da Carlos Tavares ha utilizzato il suo account ufficiale su Twitter per annunciare la sua disponibilità a partecipare alle opere di restauro. "Il Gruppo PSA aiuterà a ricostruire Notre-Dame per la rinascita di questo tesoro Unesco dell'architettura mondiale. Le modalità sono allo studio della Fondazione PSA", è stato il tweet diffuso ieri. La connazionale Renault non ha, invece, ancora sciolto le sue riserve, ma molte testate francesi sono sicure che a Boulogne-Billancourt sono prossimi a seguire lesempio della PSA. 

Dalla Michelin 1 milione di euro. Aziende legate, in un modo o in un altro, al mondo delle quattro ruote hanno già compiuto i primi passi concreti. Il consiglio di amministrazione della Michelin ha già deliberato un primo stanziamento di 1 milione di euro, mentre la multinazionale petrolifera Total ha messo a disposizione 100 milioni di euro e la compagnia assicurativa Groupama ha offerto 1.300 querce secolari dei suoi possedimenti terrieri per la ricostruzione del tetto. 

Donazioni miliardarie. Del resto la corsa alle donazioni è scattata poche ore dopo lo scoppio dell'incendio che ha distrutto parzialmente uno dei simboli di Parigi. Si parla di quasi 1 miliardo di euro già raccolto o comunque promesso soprattutto da grandi imprenditori, multinazionali o associazioni. Il primo a muoversi è stato Francois-Henry Pinault, che tramite la sua Kering controlla grandi marchi della moda come la fiorentina Gucci: ha annunciato un contributo di 100 milioni. Il suo grande rivale Bernard Arnault, numero uno della Lvmh (nel suo portafoglio di marchi figurano gli italiani Fendi, Bulgari, Loro Piano ed Emilio Pucci) ha rilanciato con 200 milioni e la famiglia proprietaria de L'Oreal con altri 200. Contributi di decine di milioni sono stati promessi anche dalle banche, mentre molte altre aziende hanno annunciato iniziative di vario genere: l'Air France garantirà i voli per le maestranze e il colosso delle costruzioni Vinci ha chiesto a tutto il suo settore di formare a titolo gratuito un consorzio per unire le migliori competenze e professionalità. 

Cinque anni per la rinascita? Al momento non sono ovviamente emerse stime sui costi della ricostruzione. Serve una mappatura completa dei danni subiti da Notre-Dame, dopo la verifica delle condizioni delle strutture rimaste in piedi anche grazie al lavoro degli oltre 400 vigili del fuoco intervenuti sul luogo del disastro. Anche la tempistica è difficile da definire. C'e' chi è arrivato a indicare fino a 15 anni per completare tutte le opere, ma il presidente Emmanuel Macron ha promesso una ricostruzione in 5 anni, in tempo, quindi, per l'inizio delle Olimpiadi parigine del 2024. 

Categorie: 4 Ruote

Lotus Type 130 - Primo teaser della hypercar elettrica di Hethel

4 Ruote - Apr 17,2019

E' bastato un video teaser per aprire un nuovo capitolo nella storia della Lotus. In occasione del Salone di Shanghai la Casa di Hethel, ora di proprietà della cinese Geely, ha infatti svelato i primi dettagli della Type 130, che non è solo il primo progetto interamente nuovo dal 2008 ma anche la prima Hypercar elettrica della propria storia.

Un teaser della fiancata per cominciare. A 70 anni dalla nascita la Lotus guarda al futuro e segue un trend che appare ormai consolidato anche nel mondo delle supersportive. Il video di presentazione cita i modelli più importanti dell'evoluzione come la Type 25 e la Type 49 di Formula 1, la Type 26 (la Elan), la Type 72 di Formula 1, la Type 14 (derivata dalla Europa), la Type 82 (la Esprit) e la Type 111 (la Elise le sue derivate), mostrando poi una anticipazione della fiancata della Type 130, estremamente curata dal punto di vista aerodinamico e decisamente aggressiva. La formula sembra quella della coupè due posti, con proporzioni tipiche delle sportive tradizionali a motore centrale.

Prestazioni ancora segrete. La Lotus definisce la vettura come la prima hypercar elettrica inglese e indicando quindi una data di debutto vicina nel tempo. Purtroppo i dettagli si fermano qua e la Lotus non ha per il momento indicato nè la presentazione ufficiale nè i dati relativi al powertrain. 

 

Categorie: 4 Ruote

Nio ET Preview - Una berlina elettrica nel futuro del marchio cinese

4 Ruote - Apr 17,2019

La Nio presenta al Salone di Shanghai la ET Preview, anticipazione della futura berlina a emissioni zero del marchio. Nello stand sono presenti anche le Suv ES8 e ES6 già in vendita, oltre alla Nio 004 della Formula E e la recente EVE Vision. La Casa infine ha confermato al Salone di voler estendere il servizio One Click for Power anche agli utenti di vetture elettrificate di altre marche. Il network di ricarica si appoggia a una App dedicata e sarà presto integrato da nuove paline ad alta velocità con un costo fisso per ogni ricarica.

La Nio apre alle berline elettriche. La ET Preview anticipa concretamente il modello di serie che debutterà entro breve tempo. Il linguaggio formale è coerente con quello delle Suv e riprende il tema della berlina-coupè da circa 5 metri, con linee tese e minimaliste e gruppi ottici a Led a sviluppo orizzontale. Per il momento gli interni e i dati tecnici non sono noti, ma è probabile che il powertrain sia condiviso con le Suv già in gamma. 

Batterie da 84 kWh per la ES8, anche a noleggio giornaliero. Per la ES8 è stato inoltre presentato un programma di aggiornamento delle batterie che prevede accumulatori da 84 kWh, grazie ai quali l'auto raggiunge una autonomia di 425 km nel ciclo Nedc. La formula di utilizzo è particolarmente innovativa perchè abbina il classico acquisto, il Permanent Upgrade Program (che costa l'equivalente di circa 4.000 euro al cambio attuale), al noleggio giornaliero, il Flexible Upgrade Program. In quest'ultimo caso è possibile sfruttare le stazioni automatizzate Power Swap 8 per installare temporaneamente le batterie più capienti, pagando l'equivalente di circa 5 euro al giorno a fronte di un deposito cauzionale.

Categorie: 4 Ruote

Audi S5 TDI - Coupé e Sportback sono anche diesel

4 Ruote - Apr 17,2019

Dopo le Audi S6, S7 e SQ5, anche la S5 diventa TDI. In Europa le versioni coupé e Sportback saranno spinte da un 3.0 turbodiesel mild hybrid da 347 CV, mentre al di fuori del vecchio continente rimarrà disponibile il 3.0 TFSI da 354 CV. I prezzi per il mercato italiano non sono stati ancora ufficializzati: in Germania le due sportive avranno un prezzo di partenza di 65.300 euro.

Prestazioni elevate e consumi ridotti. Come già visto sulle altre vetture della gamma S TDI, anche la coupé e la Sportback impiegheranno il nuovo sei cilindri turbodiesel ibrido con turbina ad azionamento elettrico. Forte di 347 CV e 700 Nm tra i 2.500 e i 3.100 giri, il V6 utilizza una rete a 48V con batteria da 0,5 kWh che alimenta sia il compressore elettrico, portandolo a 65.000 giri/min in soli 300 millisecondi per ridurre il turbo lag, sia il motorino d'avviamento del 3.0 litri, che funge anche da alternatore, consentendo di risparmiare fino a 0,4 l/100 km. Il sistema mild hybrid consente inoltre allo start&stop di intervenire già a 22 km/h e di viaggiare per un massimo di 40 secondi a velocità costanti comprese tra i 55 e i 160 km/h con motore spento. I consumi dichiarati nel ciclo Nedc ricalcolato sono pari a 6,2 l/100 km per entrambi i modelli. Le prestazioni, invece, sono in linea con quelle della TFSI: 250 km/h di velocità massima limitata elettronicamente e accelerazione da 0 a 100 km/h coperta in 4,8 secondi per la coupé e in 4,9 per la Sportback.

Solo integrale e automatica. Entrambe le versioni disporranno di serie della trazione integrale quattro con differenziale autobloccante centrale e cambio automatico tiptronic a otto rapporti: a richiesta sono disponibili anche un differenziale posteriore sportivo a controllo elettronico e un assetto sportivo adattivo. Tra le dotazioni previste per questi modelli, oltre ai cerchi di lega da 18", al sistema multimediale Mmi e ai fari Led, vi saranno anche dei sedili sportivi e, a richiesta, un quadro strumenti digitale Audi Virtual Cockpit da 12,3" e un impianto audio Bang & Olufsen.

Categorie: 4 Ruote

Mercato europeo - Immatricolazioni in calo anche a marzo: -3,6%

4 Ruote - Apr 17,2019

Nuova frenata per il mercato automobilistico europeo. Secondo i dati diffusi dall'Acea (l'Associazione europea dei costruttori), a marzo le immatricolazioni nell'area Ue+Efta si sono attestate su 1.770.849 unità, il 3,6% in meno rispetto allo stesso periodo del 2018. Per il Vecchio Continente, si tratta del settimo mese consecutivo di contrazione: il trend negativo è causato non solo dalle conseguenze delle nuove procedure di omologazione Wltp, ma anche dal rallentamento delle maggiori economie europee.

In flessione tutti i maggiori mercati. In tutti i principali mercati, il computo delle immatricolazioni vede la prevalenza del segno meno. La peggior performance è dell'Italia (-9,6%), seguita dalla Spagna (-4,3%), dal Regno Unito (-3,4%), dalla Francia (-2,3%) e dalla Germania (-0,5%). Nei primi tre mesi dell'anno, le immatricolazioni sono state 4.146.152, con un calo del 3,2% dovuto soprattutto alla Spagna (-6,9%) e all'Italia (-6,5%): entrambre hanno annullato l'andamento sostanzialmente stabile della Germania (+0,2%) e della Francia (-0,6%). Male il Regno Unito, con un -2,4%.  

Lancia e Jeep sostengono Fca. Nella classifica dei maggiori produttori, il gruppo FCA perde diverse posizioni scendendo al settimo posto. I veicoli immatricolati dal produttore italo-statunitense sono 106.680 i, l'11,7% in meno rispetto a marzo 2018. Tra i vari marchi, si registra l'andamento positivo della Lancia (+15,3%) e della Jeep (+3,9%); di contro, la Fiat perde il 12,1%, l'Alfa Romeo il 44,8% e la Maserati il 49,6%.

Tedeschi in discesa. Il gruppo Volkswagen conferma la prima posizione con 412.033 immatricolazioni, registrando comunque una flessione dello 0,6%. Il brand omonimo perde il 3%, la Skoda lo 0,4% e la Porsche il 20,7%. In ascesa l'Audi (+2,8%), la Seat (+5,4%) e i marchi superpremium Bentley, Lamborghini e Bugatti (+27,2%). Il gruppo BMW, con 120.101 unità, evidenzia una contrazione del 2,4% per effetto della discesa del marchio dell'Elica (-3,8%), alla quale fa da contraltare la crescita del 2,7% messa a segno dalla Mini. La Daimler immatricola 96.629 veicoli e assiste a un calo del 14%, con la Mercedes-Benz in flessione del 14,6% e la Smart dell'8%.  

Citroën frena il calo del gruppo PSA. Al secondo posto del mercato si posiziona il gruppo PSA. I francesi immatricolano 284.536 veicoli, con una contrazione dell'1,7% determinata soprattutto dalla Peugeot (-4,4%), dalla Opel (-2,9%) e dalla DS (-27,4%). Le perdite, comunque, vengono limitate dalla Citroën (+6,9%). Il podio della top ten europea si completa con l'altro produttore transalpino: il gruppo Renault, con 181.386 registrazioni, registra infatti una crescita del 2,1%, trainato dal +21,6% della Dacia. In calo il marchio della Losanga (-5,6%)e la Lada (-1,3%).  

Bene Volvo, crolla Ford. Tra le altre Case, la Ford cala del 15,5% con 112.784 immatricolazioni, mentre la Jaguar Land Rover piazza 41.904 veicoli e sale del 4,6%, con il marchio del Giaguaro in crescita del 12% e il brand delle fuoristrada in miglioramento dell'1,1%. In crescita anche la Volvo, con 36.679 registrazioni e un miglioramento del 2,8%.

Asiatici in ordine sparso. Sul fronte dei costruttori asiatici, il gruppo Hyundai scende del 3,4% registrando 115.485 veicoli. La Toyota subisce un calo del 3,4%, la Nissan del 29,4%, la Mazda del 2,2% e la Honda del 21,1%. L'unica a crescere tra i produttori giapponesi è la Mitsubishi, con un +17%.

Categorie: 4 Ruote

Mercedes-Benz - Al volante della CLA 220

4 Ruote - Apr 17,2019

Non capita frequentemente che la Mercedes-Benz decida di presentare un nuovo modello tra le vie di Monaco di Baviera. Il motivo? La città bavarese è la patria della BMW e a circa 80 chilometri di distanza si trova il quartier generale dell'Audi. Nonostante questo, per il primo contatto su strada della nuova CLA la Stella ha scelto le strade "di casa" delle proprie rivali.

Su strada. Una volta al volante della CLA 220, spinta da un 2.0 turbo da 190 cavalli con cambio automatico 7G-Dct, apprezzo il lavoro degli ingegneri tedeschi per quanto riguarda materiali e qualità costruttiva. Fin dai primi chilometri noto una buona insonorizzazione, con il quattro cilindri che non si fa sentire troppo nemmeno a velocità autostradali. Tra le curve lassetto (con sospensioni McPherson allanteriore e multilink sul retrotreno) lavora bene rendendo l'auto stabile. Promossa anche la dotazione di dispositivi di assistenza alla guida, a partire dal mantenimento della traiettoria in abbinamento al cruise control adattivo. Alla voce consumi, visualizzati tramite il computer di bordo, ho ottenuto una media di circa 7 l/100 km.

In Italia a maggio. Arrivata alla seconda generazione, dopo le 750.000 unità vendute tra quattro porte e Shooting Brake, attira lattenzione dal primo sguardo grazie al design pulito caratterizzato dal cofano allungato, dalla parte superiore compatta, dalla carreggiata ampia con passaruota sporgenti e dalla coda tipica delle granturismo. Tra le novità aumenta lo spazio a bordo, labitacolo diventa più connesso e i sistemi d'assistenza alla guida arrivano al Livello 2. Già ordinabile e in arrivo nelle concessionarie a maggio, sarà disponibile con quattro differenti motori a benzina con potenze da 136 a 224 cavalli o con il 1.5 diesel da 116 Cv della versione 118 d. Per i motori a gasolio più potenti, 200 e 200d, si dovrà attendere dopo lestate. I prezzi partono da 33.610 euro, ma per la CLA 220 protagonista del nostro primo contatto servono almeno 41.600 euro.

Assistente di bordo intelligente. Gli interni sono caratterizzati dai due schermi da 10,25" sui quali vengono riportate i parametri della vettura, le impostazioni della climatizzazione e le varie funzioni del sistema multimediale Mbux. Sulla nuova CLA è installata la versione più aggiornata del Mercedes-Benz User Experience: l'assistente vocale Hey Mercedes è in grado di riconoscere domande molto più complesse e fornire una risposta adeguata. Arrivano anche i comandi gestuali che permettono, per esempio, di modificare il contenuto dello schermo non appena una mano si avvicina al touchscreen della plancia o al touchpad sulla consolle centrale. Piuttosto completa anche la dotazione di base, che comprende due display da 7" per la strumentazione e l'impianto multimediale, volante sportivo multifunzione con pulsanti touch control, interfaccia USB di tipo C e collegamento bluetooth. Le dimensioni crescono leggermente, con una lunghezza passata da 4.640 a 4.688 mm e larghezza da 1.777 a 1.839 millimetri.

Categorie: 4 Ruote

Alfa Romeo - In Cina con Giulia, Stelvio e F.1 - VIDEO

4 Ruote - Apr 16,2019

L'Alfa Romeo partecipa al Salone di Shanghai esponendo alcuni esemplari delle Giulia e Stelvio affiancati dalla monoposto di Formula 1 del team Alfa Romeo Racing. Tra i modelli presenti alla rassegna orientale anche le versioni Quadrifoglio NRing della Suv e della berlina, caratterizzate da una tiratura limitata di 108 esemplari e da una particolare tinta color Grigio Circuito con inserti di fibra di carbonio.

Non solo Quadrifoglio. Entrambe le sportive sono spinte da un V6 di 2.9 litri in grado di erogare 510 CV: a Shanghai c'è però spazio anche per le versioni meno performanti delle Giulia e Stelvio, che in Cina vengono proposte anche con il 2.0 turbo da 200 o 280 CV. Sullo stand dell'Alfa Romeo è stato ricavato anche uno spazio dedicato all'Alfa Romeo Racing C38, la monoposto con cui Kimi Raikkonen e Antonio Giovinazzi prendono parte al campionato mondiale di Formula 1 2019.

Categorie: 4 Ruote

Jeep - La Grand Commander diventa plug-in

4 Ruote - Apr 16,2019

A circa un anno dal debutto, la Jeep a sette posti nata espressamente per il mercato cinese si evolve. Stiamo parlando della Grand Commander, che al Salone di Shanghai viene svelata in versione PHEV.

70 km a zero emissioni. Al 2.0 turbo benzina da 235 e 264 CV già disponibile si affianca quindi la variante plug-in hybrid della stessa unità. Purtroppo, per il momento le informazioni tecniche sono molto poche: sappiamo soltanto che la Suv americana sarà capace di percorrere 70 km con un ciclo di carica delle batterie, mentre i dati relativi alla potenza complessiva del powertrain e ai consumi non sono noti. Le differenze estetiche tra la PHEV e gli altri allestimenti sono limitate a piccoli particolari e al design dei cerchi di lega. Un ultimo dettaglio: la presa di ricarica si trova sulla fiancata sinistra, speculare rispetto allo sportello per il rifornimento della benzina sul lato destro. 

 

Categorie: 4 Ruote

Lexus LM - In Cina debutta il van di lusso

4 Ruote - Apr 16,2019

La Lexus entra per la prima volta nel mondo delle monovolume presentando al Salone di Shanghai il modello LM. Derivato dalla cugina Toyota Alphard, ne rappresenta la variante premium e nasce espressamente per il mercato cinese.

Una monovolume trasformata in limousine di lusso. La caratterizzazione stilistica è molto decisa, con il frontale dominato interamente dalla mascherina a clessidra, che raggiunge dimensioni da record con le sue superfici lucide e il motivo cromato che decora il montante centrale e il tetto. Le differenze con il modello Toyota sono altrettanto evidenti all'interno, dove finiture e accessori sono tipici dello stile Lexus. In particolare, sono previste due varianti: la sette posti con il divano a tre posti nella terza fila e l'esclusiva quattro posti con due poltrone executive posteriori, reclinabili dotate di massaggio e di comandi touch, pensate per la guida con l'autista. La LM può essere poi equipaggiata con accessori tipici delle limousine più esclusive, come il divisorio centrale, lo schermo interno da 26 pollici, l'impianto audio Mark Levinson con 19 diffusori e il frigobar, dando così vita a un vero e proprio salotto isolato dal mondo esterno.

Benzina e ibrida in Asia. Il van di Lexus sarà commercializzato in diversi mercati asiatici e, in base alla destinazione, sarà proposto in versione a benzina o ibrida. La LM 350 monta il V6 3.5 litri, mentre la 300h adotta il powertrain ibrido con il quattro cilindri endotermico da 2.5 litri. Per tutte le versioni sono previste specifiche sospensioni, totalmente riviste rispetto a quelle del modello Toyota da cui derivano. 

 

Categorie: 4 Ruote

Lotus - Debutta in Cina la Evora GT4 Concept

4 Ruote - Apr 16,2019

Nella cornice del Salone di Shanghai la Lotus, ora di proprietà della cinese Geely, presenta la Evora GT4 Concept. La vettura prefigura il modello GT4 da competizione che sarà offerto ai clienti privati per la stagione 2020 e il suo debutto coincide con l'annuncio del lancio del Lotus Driving Accademy in Cina e dell'ingaggio dei piloti ufficiali Cui Yue e Gaoxiang Fan, provenienti dalla Geely University.

Pronta per correre nel 2020, deriva dalla GT430. Sviluppata nella storica sede di Hethel, la Evora GT4 Concept deriva dalla più estrema delle varianti stradali, la GT430. Il telaio di alluminio rimane il medesimo, così come lo schema delle sospensioni, mentre aerodinamica, freni e sistemi di sicurezza sono adeguati all'uso in circuito. L'esteso utilizzo della fibra di carbonio ha permesso di mantenere il peso entro i 1.200 kg e sono stati inoltre rivisti tutti i flussi di raffreddamento della meccanica. I dati relativi al propulsore V6 e alla trasmissione non sono stati ancora resi noti.

Cina e Inghilterra nella livrea. La livrea scelta per la Concept è stata realizzata da Russell Carr, responsabile design Lotus, e simboleggia l'unione tra la bandiera inglese e quella cinese. Lo sviluppo del modello destinato alla produzione proseguirà sul circuito di Hethel partendo dalla base dei dati raccolti con il modello uscente, vittorioso nella sua categoria negli anni scorsi sui più famosi circuiti del mondo. 

 

Categorie: 4 Ruote

Avis - Il breve termine si gestisce via app

4 Ruote - Apr 16,2019

Un noleggio flessibile, "da due ore a 18 mesi".  questo il traguardo prospettato da Avis Budget Group, pronta a rimodulare l'offerta a breve termine: come ha spiegato il general manager dellEuropa del Sud Gianluca Testa Casa Milan (la squadra di calcio ha scelto l'azienda come partner per la mobilità), l'obiettivo è reinventare l'esperienza di noleggio con una nuova app e la digitalizzazione del business attraverso una flotta connessa entro il 2020. 

Tutto a portata di smartphone. La nuova app consente di ordinare e ritirare un'auto Avis in pochi minuti: per scaricarla basta iscriversi al servizio gratuito Avis Preferred, disponibile in oltre 3.300 località in tutto il mondo. Negli Usa, inoltre, è già disponibile la funzione che consente di aprire la vettura noleggiata attraverso lo smartphone. 

Intermodalità. Avis sta effettuando dei test con partner come Lyft (per fornire vetture ai conducenti), la ferrovia californiana Brightline (per gestire il cosiddetto ultimo miglio fino alle stazioni) e Netbike (un noleggio di biciclette tedesco) con l'obiettivo di completare l'offerta di mobilità. Inoltre, sempre più attenzione è rivolta ai servizi di fleet management: negli States, per dire, Avis gestisce la flotta di Waymo e quella di ViaVan (Mercedes). La società, però, non si lancerà sul noleggio a lungo termine per le aziende, per le quali propone il corporate car sharing o il car pooling.

Categorie: 4 Ruote

Nissan Micra - Al volante della versione a Gpl

4 Ruote - Apr 16,2019

La Nissan continua a spingere sulle alimentazioni alternative, come l'elettrico, ma pure sulle soluzioni bifuel: è il caso della nuova Micra 0.9 IG-T Gpl, pensata in esclusiva per lItalia e realizzata con la collaborazione della specialista Brc. Il suo arrivo sul mercato è contraddistinto da un notevole tempismo: nel primo trimestre del 2019, la quota di mercato delle auto a Gpl è salita infatti al 6,6%, contro il 5,9 dello stesso periodo dello scorso anno. Guardando invece a tutto il 2018, si nota come le auto a benzina-Gpl siano state scelte dal 9% dei privati, mentre la quota nel segmento B sale addirittura al 14%.

In incognito. Riconoscere a prima vista la Micra 0.9 Gpl è praticamente impossibile. Lunico indizio che permette di distinguere questa versione dalle altre è infatti lindicatore circolare a Led posto vicino alla base del cambio, che segnala se lauto sta viaggiando a benzina, a gas e indica il livello del Gpl nel serbatoio. Questultimo è di tipo toroidale, ovvero a ciambella, ha una capacità di 33,6 litri ed è sistemato nellalloggiamento della ruota di scorta, in modo da non sottrarre volume utile al bagagliaio (che resta di 300 litri).

Ricomincio da tre. Dal punto di vista tecnico, il tre cilindri 0.9 IG-T si presta bene alla trasformazione in bifuel. Questo motore è infatti di progettazione recente, è completamente realizzato in leghe leggere ed è stato studiato dagli ingegneri della capogruppo Renault con un occhio di riguardo al contenimento degli attriti. Il propulsore, cosa ancora più importante, è sovralimentato con una piccola turbina dall'inerzia ridotta: il risultato garantisce una buona spinta, disponibile sin dai bassi regimi.  

Pronto fin da subito. Su strada, la Micra 0.9 IG-T Gpl mantiene le promesse. Dopo l'avviamento a benzina, contraddistinto da una sonorità un po roca e qualche leggera vibrazione, la piccola Nissan passa allalimentazione a Gpl senza che il guidatore debba fare alcunché. Sin dai primi metri, l'auto si dimostra pronta a rispondere alle sollecitazioni dellacceleratore, sfoderando unerogazione fluida e progressiva. I 90 CV di potenza dell'alimentazione a benzina (che scendono a 87 con il Gpl) non sono moltissimi, ma i 140 Nm di coppia raggiunti a soli 2.250 giri rendono comunque piacevole la guida. In generale, gli habitat naturali della Micra sono la città e le zone limitrofe, dove la giap può contare su unottima maneggevolezza e su un comportamento sempre equilibrato e sicuro. Nessun problema neppure in autostrada, affrontata in totale tranquillità.  

Facciamo i conti. Quanto al consumo, la Casa dichiara 5,5 l/100 km nel ciclo misto, che diventano 7,8 a Gpl: viaggiare a gas mediamente conviene, visto che il costo si aggira sui 65 centesimi di euro al litro. La Micra 0.9 IG-T Gpl è proposta in tre allestimenti, Start, Plus e Max, con prezzi rispettivamente di 16.450, 17.550 e 18.800 euro.  

Categorie: 4 Ruote

Karma - Tre anteprime mondiali al Salone cinese

4 Ruote - Apr 16,2019

La Karma Automotive è presente al Salone di Shanghai con tre anteprime mondiali, dando il via a una nuova fase della propria espansione e debuttando ufficialmente in Cina. Forte di collaborazioni importanti con Pininfarina e BMW, la Karma ha infatti presentato la Revero GT, ma allo stesso tempo ha sviluppato la Pininfarina GT Coupè Concept e la SC1 Vision Concept per dare una anticipazione degli obiettivi futuri.

La Karma GT con motore endotermico BMW. La Karma Revero GT Model Year 2020 è stata aggiornata stilisticamente rispetto alla versione precedente ridisegnando il frontale, ora caratterizzata da un listello cromato orizzontale ripreso anche in coda, da prese d'aria modificate e da gruppi ottici ridisegnati. Le novità proseguono all'interno, dove aumentano le personalizzazioni disponibili, ma la vera rivoluzione è quella del powertrain: è stato infatti stretto un accordo con BMW per la fornitura del tre cilindri 1.5 TwinPower turbo con funzione di Range Extender. Il powertrain elettrico con motori sull'asse posteriore dichiara una potenza di 535 CV e 746 Nm e le batterie permettono di percorrere circa 130 km, ai quali si aggiungono gli oltre 570 garantiti dall'energia fornita dal motore endotermico utilizzato come generatore. L'impianto frenante con pinze anteriori a sei pistoncini è in grado di recuperare energia in frenata con tre livelli regolabili e bastano 4,5 secondi per toccare le 60 miglia da fermo (96 km/h). E' stata aggiornata anche la dotazione di adas con l'arrivo del blind spot monitoring, del lane keep assist, della frenata automatica d'emergenza e del cruise control adattivo.

 

La GT di Pininfarina. La Pininfarina GT Coupé è invece la concretizzazione della partership tra la Karma e la firma italiana di stile. Sulla base della Revero 2020 è stata infatti realizzata una coupè due porte ridisegnano carrozzeria e finiture interne, definita come "production ready". Il frontale presenta un doppio elemento aerodinamico verticale e sottili gruppi ottici Led, mentre il padiglione è disegnato da una linea lucida ed è verniciato in tinta contrastante. La coda riprende invece il taglio dei gruppi ottici della Revero, reinterpetandone gli elementi. 

La SC1 Vision Concept per guardare al futuro. La Karma SC1 Vision Concept è una anticipazione delle future tendenze stilistiche del marchio. Questa roadster sportiva due posti con portiere ad apertura vericale evolve il concetto attuale puntando su un sistema propulsivo totalmente elettrico (del quale non si conoscono le specifiche) e sull'interfaccia tra uomo e macchina. All'interno, dove spiccano finiture in carbonio di nuova concezione, è infatti previsto un sistema di infotainment basato sullo standard 5G e dotato di display specifici per i due passeggeri. Gli input possono essere dati tramite comandi gestuali, vocali e attraverso il tracciamento dello sguardo. L'approccio verso le nuove tecnologie è uno dei mantra dell'azienda, che punta a instaurare collaborazioni con altre compagnie per velocizzare l'arrivo di modelli evoluti sul mercato. 

Categorie: 4 Ruote

Hyundai ix25 - Nuovo look per piccola crossover

4 Ruote - Apr 16,2019

La novità più importante esposta dalla Hyundai al Salone di Shanghai è la versione rinnovata della ix25. La crossover, della quale sono stati resi noti solo pochi dettagli, riprende le proporzioni della versione originale, chiamata anche Creta, evolvendone tecnica e design. Alcuni dettagli, infatti, riprendono lo stile della Kona, come i fari su due livelli che per la prima volta integrano una striscia di Led anche nel faro principale.

Reinterpreta il nuovo stile coreano. Rispetto alla Sonata, anch'essa esposta in anteprima per il mercato cinese, la piccola crossover interpreta in un modo diverso i concetti del nuovo linguaggio stilistico della Casa. Linee più nette si abbinano a passaruota con inserti di plastica nera e a un assetto rialzato abbinato a protezioni ispirate all'off-road per i paraurti e le minigonne.

Categorie: 4 Ruote

Ponte Morandi - Nuova fase della demolizione

4 Ruote - Apr 16,2019

Grazie a un miglioramento delle condizioni meteo rispetto ai giorni scorsi, le operazioni di demolizione del ponte Morandi di Genova sono entrate in una nuova e importante fase con il taglio di una porzione dellimpalcato allaltezza della pila 5 (lato di Ponente), la prima del viadotto a venire smantellata. Una volta imbragata, la struttura sarà portata a terra con laiuto delle maxi-gru installate sul posto nelle scorse settimane. In una seconda fase, liberata completamente la pila, i tecnici delle cinque imprese incaricate della demolizione del ponte inizieranno a tagliare in diverse sezioni la pila stessa, portandole a loro volta sul terreno.

Fasi preliminari. Queste delicate operazioni sono indispensabili per poter liberare la zona dalla struttura danneggiata dal crollo del 14 agosto scorso, così da poter dare definitivamente inizio alla costruzione del nuovo viadotto. Le imprese incaricate della sua realizzazione, Salini-Impregilo e Fincantieri riunite nella società consortile Per Genova, stanno però già effettuando delle opere propedeutiche negli spazi non interessati dai lavori di demolizione, così da essere subito pronte a intervenire nel momento in cui larea sarà loro ufficialmente consegnata. A questi aspetti e alle caratteristiche tecnico-costruttive del nuovo viadotto, che sarà lungo 1,1 km, Quattroruote dedicherà un ampio articolo sul numero di maggio, in edicola a partire dal 26 aprile.

Categorie: 4 Ruote

KIA - La K3 cinese è anche ibrida plug-in

4 Ruote - Apr 16,2019

La Kia presenta al Salone di Shanghai la versione destinata esclusivamente al mercato cinese della K3 -su altri mercati conosciuta come Kia Forte - disponibile anche ibrida ricaricabile. Prodotto i dalla filiale cinese Dongfeng Yueda Kia Motors Co., questo modello è proposto con motori a benzina da 1.5 litri e benzina turbo da 1.4 litri nelle versioni tradizionali.

Se cè il bollino, cè lelettrico. Poi cè la versione ibrida plug-in, anchessa di scena al Salone. La variante green della berlina media differisce negli esterni per alcuni accorgimenti di carattere aerodinamico e si riconosce per il badge con la scritta Eco applicato alla carrozzeria. Gli interni dispongono poi di alcune funzioni specifiche nella strumentazione e nellinfotainment: il navigatore, per esempio, suggerisce i punti di ricarica più vicini lungo la rotta. Non sono invece note, al momento, le caratteristiche tecniche del sistema ibrido della Kia K3 PHEV.

Categorie: 4 Ruote

Honda X-NV - Una concept di Suv elettrica per il mercato cinese

4 Ruote - Apr 16,2019

Si chiama X-NV la concept che la Honda ha presentato al Salone di Shanghai. La formula è quella di assoluta tendenza: un prodotto dedicato al mercato cinese, con le sembianze di un Suv e la propulsione elettrica, anticipazione della versione definitiva che sarà proposta sul mercato entro la fine dell'anno dalla Dongfeng Honda.

Parentele stilistiche e tecniche con la HR-V. Per il momento la Honda non ha fornito indicazioni di carattere tecnico sulla X-NV, limitandosi a diffondere le immagini ufficiali. Qui si notano le parentele stilistiche con la XR-V già commercializzata in CIna e a sua volta derivata dalla HR-V, rispetto alla quale sono state mantenute proporzioni e taglio del tetto e delle portiere, ma sono stati ridisegnati frontale, coda, gruppi ottici e portiere, dove sono assenti le nervature originali. La vettura riprende molti dei contenuti già visti sulla Everus VE-1, prodotto che Honda ha realizzato in collaborazione con la Gac

 

 

 

Categorie: 4 Ruote

Toyota C-HR - In Cina la Suv diventa elettrica

4 Ruote - Apr 16,2019

La Toyota presenta un'intera gamma di modelli elettrificati al Salone di Shanghai. Le regine dello stand sono infatti le C-HR e Izoa BEV, ovvero a propulsione totalmente elettrica, affiancate dal debutto nazionale dei modelli ibridi (HEV) della RAV4 e della Alphard e di quelli plug-in hybrid (PHEV) della Corolla berlina e della Levin. C'è spazio infine per la Rhombus Concept, sviluppata dal centro di ricerca e sviluppo cinese della Casa. 

Due elettrica su base C-HR. Le C-HR e Izoa derivano entrambe dalla C-HR ibrida già nota al pubblico. Le differenze tra i due modelli dovrebbero essere legate solo agli allestimenti, mentre la sigla EV nel paraurti anteriore più chiuso mette subito in evidenza il powertrain. In assenza di ulteriori dettagli tecnici sappiamo che la vettura adotta la trazione anteriore e le batterie integrate nel pianale, inoltre a bordo è prevista una nuova strumentazione totalmente digitale.

Il futuro della mobilità La Rhombus Concept rappresenta un approccio inedito al concetto di mobilità urbana. Il tema della figura geometrica del rombo è stato adottato per la disposizione dei sedili, con il guidatore posizionato al centro, molto vicino all'asse anteriore, e i passeggeri sui lati, con un ulteriore divanetto in coda con seduta singola. Questa disposizione ha influenzato il design della carrozzeria, con i passaruota totalmente staccati dal corpo centrale e grandi Led che disegnano il frontale. La propulsione è elettrica, ma non esistono ulteriori dati ufficiali.

Categorie: 4 Ruote

Aston Martin - La Rapide E elettrizza Shanghai

4 Ruote - Apr 16,2019

La Aston Martin ha scelto il Salone di Shanghai per presentare la versione definitiva della Rapide E, la prima elettrica della storia del marchio. Deriva dalla berlina-coupè Rapide e sarà prodotta in una serie limitata di appena 155 esemplari nella nuova fabbrica di St. Athan. Il prezzo non è stato comunicato.

610 CV, 950 Nm e oltre 320 km di autonomia. Partendo dalla base della Rapide esistente, i tecnici Aston Martin hanno collaborato con la Williams Advanced Engineering e sostituito il classico V12 6.0 aspirato con una coppia di propulsori elettrici sull'asse posteriore. La potenza risultante è pari a 610 CV e la coppia è di 950 Nm, ma la novità più importante è rappresentata dalle batterie da 65 kWh con tecnologia 800V, incapsulate in un involucro in carbonio. Posizionate nel vano anteriore e nelle zone solitamente dedicate alla trasmissione e al serbatoio di carburante, queste garantiscono un'autonomia di oltre 320 km nel ciclo WLTP alla Rapide E, che promette prestazioni costanti indipendentemente dallo stato di carica: la velocità massima è pari a 250 km/h, mentre le 60 miglia orarie (96 km/h) vengono raggiunge in meno di 4 secondi partendo da fermi. 

Tutto ok anche al Ring. La Aston Martin conferma inoltre che la Rapide E è in grado di percorrere un giro completo dell'anello nord del Nurburgring senza cali prestazionali e senza surriscaldamenti dei propulsori quando lavorano al massimo delle loro possibilità. Ispirandosi alle soluzioni adottate sulla sportiva Rapide AMR, anche l'elettrica è dotata di tre modalità di guida distinte, denominate GT, Sport e Sport+, che intervengono sull'assetto a controllo elettronico, sul differenziale autobloccante e sulle strategie di funzionamento del powertrain. 

Ricarica rapida con le batterie 800V. La ricarica, elemento chiave della tecnologia 800V, può avvenire con colonnine di capacità superiore ai 100 kWh, ma la vettura è compatibile anche con i sistemi 400V da 50 kWh. A bordo è disponibile anche un sistema per i collegamenti standard che consente di caricare totalmente gli accumulatori in circa 3 ore. 

Aerodinamica rivista. Per differenziare la Rapide E dalle versioni endotermiche e migliorarne l'efficienza, i tecnici Aston Martin hanno ridisegnato e modificato alcuni elementi della vettura. Nel frontale troviamo una griglia al posto dei classici elementi metallici, mentre le ridotte necessità di raffreddamento hanno permesso di rivedere dimensioni e posizione delle prese d'aria. Non avendo, la Rapide E, un impianto di scarico, l'intero sottoscocca è stato rivisitato, ottenendo così, grazie anche allo splitter anteriore e al diffusore posteriore, una maggiore efficienza aerodinamica. I cerchi di lega forgiati, calzanti pneumatici Pirelli P-Zero, sono specifici di questo modello e migliorano a loro volta i flussi d'aria, senza compromettere il raffreddamento dell'impianto frenante. L'insieme delle modifiche ha permesso di migliorare dell'8% l'efficienza aerodinamica totale rispetto alla Rapide. 

Debutta la strumentazione digitale. L'abitacolo è a prima vista molto simile a quello della Rapide, con finiture in fibra di carbonio diffuse, ma la specificità di questo modello ha reso necessaria l'introduzione della strumentazione totalmente digitale per monitorare il funzionamento del powertrain. Per questo motivo è stato adottato un display da 10", che fornisce sia le classiche indicazioni sulla velocità, sia i dati relativi allo stato di carica, all'autonomia, al recupero dell'energia in frenata e al consumo in tempo reale. Il proprietario di una Rapie E può infine interagire con l'auto da remoto tramite una App specifica, monitorando dati sullo stato di carica e impostando la destinazione di navigazione a distanza. 

Categorie: 4 Ruote

Mercedes-AMG A 35 L - Per la Cina, anche la berlina sportiva si allunga

4 Ruote - Apr 16,2019

La Mercedes-Benz ha presentato al Salone di Shanghai una novità dedicata al mercato nazionale: parliamo della Mercedes-AMG A 35 L 4Matic, variante sportiva della Classe A berlina a passo lungo realizzata appositamente per la clientela cinese.

306 CV e 400 Nm. I contenuti sono quelli della A 35 hatchback e berlina già presentata in Europa: il propulsore è infatti il 2.0 turbo benzina da 306 CV e 400 Nm abbinato al cambio automatico AMG Speedshift DCT 7G doppia frizione e alla trazione integrale 4Matic con ripartizione variabile. La A 35 L è capace di raggiungere i 250 km/h autolimitati e di passare da 0 a 100 km/h in 4,9 secondi grazie alla funzione Race Start.

Pacchetto aerodinamico esteso di serie. La vettura adotta un passo di 2,79 metri, ovvero 60 mm in più rispetto alla berlina europea, garantendo così maggiore spazio per i passeggeri posteriori. Le modifiche all'assetto e all'aerodinamica sono quelle già presentate sulle altre versioni della A 35, inclusi i cerchi di lega da 19", inoltre alettoni, splitter e diffusore sono caratterizzati dalla verniciatura nero lucido a contrasto e sono quelli di maggior dimensioni del pacchetto opzionale. Di serie in Cina è previsto anche l'AMG Night Package con finiture scure dei particolari esterni. 

Gli interni sportivi. L'abitacolo è caratterizzato dalla finiture di pelle bicolore, disponibili nelle varianti rosso/nero e grigio/nero, inoltre è previsto di serie il volante AMG con sezione inferiore piatta. In opzione è disponibile la variante performance con selettore rotante dotato di display multifunzione integrato. L'infotainment Mbux con assistente virtuale è impreziosito dalle modalità di visualizzazione personalizzate AMG e dall'AMG Menu con funzioni e dati aggiuntivi, inoltre è disponibile l'AMG Track Pace con funzione di telemetria per la guida in pista. Attraverso il selettore AMG Dynamic Select è infine possibile scegliere tra le modalità di guida Slippery, Comfort, Sport, Sport+ e Individual, mentre l'AMG Dynamics Control permette di regolare l'intervento dell'Esp. 

 

 

 

Categorie: 4 Ruote