Rolls-Royce Cullinan - Tolti i veli dalla nuova Suv

4 Ruote - Mag 10,2018

Lusso senza compromessi. Questa frase è ormai diventata un cliché, ma un marchio più di tutti può utilizzarla senza rischiare di diventare banale. Stiamo parlando della Rolls-Royce che con la nuova Cullinan, la prima sport utility dellintera storia centenaria dello Spirit of Ecstasy, ha deciso di accontentare le richieste dei propri clienti andando a esplorare un segmento inesistente fino a poco tempo fa, quello delle ultra-luxury Suv.

Imponente. Pensata per essere la Rolls-Royce più versatile di sempre la Cullinan si propone con misure mastodontiche: 5 metri e 34 centimetri di lunghezza con un passo di 3.295 mm, 2.164 mm di larghezza e 1.835 mm daltezza. Dimensioni pensate per rendere estremamente spazioso labitacolo, soprattutto nella zona dei sedili posteriori, vero fiore allocchiello di ogni ammiraglia di Goodwood che si rispetti, e nel bagagliaio dove, grazie a un volume di carico di 526 litri (600 per la cinque posti), può trovare spazio tutto il necessario per un viaggio o per una scampagnata. A seconda della configurazione scelta dallacquirente allinterno del baule può essere presente anche la Cullinan Viewing Suite con due sedute di pelle e tavolino da cocktail richiudibili nel fondo. Premendo un tasto, inoltre, le sospensioni posteriori abbassano la coda dellauto per agevolare le fasi di carico o per rendere più confortevole la piccola lounge estraibile. Inutile dire, infine, che il primo portellone mai montato su una Rolls-Royce di serie è azionabile elettricamente.

Base dalluminio e cuore V12 da 6.75 litri. Come lottava generazione della Rolls-Royce Phantom (qui il nostro primo contatto su strada) anche la nuova Cullinan si basa sulla piattaforma Architecture of Luxury sviluppata dagli ingegneri di Goodwood come nuova ossatura per tutte le future auto della Casa. Realizzato totalmente dalluminio, il nuovo spaceframe non viene condiviso con altri marchi, nemmeno allinterno del gruppo BMW, e permette un incremento della rigidità torsionale del 30% rispetto allarchitettura sulla quale si basava la Phantom di settima generazione, limitando il peso della Suv a 2.660 kg. A esso si abbinano soluzioni ingegneristiche da vera Rolls come i nuovi sottotelai con sospensioni anteriori a doppio quadrilatero e posteriori multilink che hanno permesso di integrare un sistema a quattro ruote sterzanti e di garantire il confort tipico delle ammiraglie britanniche pur premettendo alla Cullinan di spingersi anche fuori dallasfalto. Lassetto pneumatico è stato riprogettato con camere daria più capienti: grazie a una telecamera stereoscopica le sospensioni anticipano le sollecitazioni analizzando lasfalto per creare la sensazione di tappeto volante tipica delle ammiraglie inglesi. Totalmente aggiornato anche il cuore pulsante di ogni Rolls-Royce che si rispetti, il V12 biturbo da 6.75 litri. Pur mantenendo il proprio frazionamento storico la nuova unità raggiunge prestazioni più elevate che mai: i 571 CV sono espressi a 5.000 giri mentre la coppia massima di 850 Nm è disponibile già a partire dai 1.600 giri. Per garantire il massimo confort è stata sviluppata una nuova taratura della trasmissione automatica ZF a otto rapporti che regola le cambiate sfruttando le informazioni fornite dal navigatore satellitare. La sport utility può così raggiungere una velocità massima limitata elettronicamente a 250 km/h, proponendo un consumo che va di pari passo con la propria esclusività: 15 l/100 km nel ciclo combinato con 341 gr/km di emissioni di CO2.

La prima integrale della storia. Per la prima volta nei suoi 112 anni di storia, la Rolls-Royce ha lasciato la trazione posteriore a favore di un sistema a quattro ruote motrici. Questa scelta ha aperto un nuovo mondo alla Casa britannica, permettendo alla Cullinan di offrire prestazioni daltissimo livello anche in off-road. Tramite unapposita modalità, selezionabile tramite un pulsante integrato nel tunnel centrale, lelettronica di bordo regola svariate funzioni per offrire il massimo grip anche nelle zone più insidiose. Grazie allassetto pneumatico autolivellante, che può abbassare o alzare la vettura a seconda della situazione, quando una ruota inizia a pattinare le sospensioni la spingono verso terra per cercare aderenza. Nonostante i cerchi siano da 22, la Cullinan non teme nemmeno gli ostacoli più insidiosi e può guadare corsi dacqua profondi fino a 54 centimetri. Il particolare design delle portiere, con le anteriori con apertura tradizionale e posteriori controvento, permetterà inoltre ai facoltosi clienti della Suv di scendere dallauto senza sporcarsi nemmeno dopo un intero viaggio in fuoristrada: la parte inferiore delle porte, infatti, avvolge i brancardi dellauto proteggendoli da fango e detriti.

Lusso e tecnologia. La Cullinan porta al debutto il primo sistema di infotainment della storia Rolls-Royce con touch screen: tutte le principali funzioni sono dunque a portata di mano e possono essere gestite anche dal controller della consolle centrale, vicino al quale sono presenti i tasti per la gestione dellHill Descent Control, della modalità Off-road e delle sospensioni pneumatiche, il cui funzionamento viene riportato anche sul nuovo quadro strumenti digitale con cornici metalliche e sullhead-up display ad alta risoluzione. I passeggeri posteriori possono sfruttare due schermi aggiuntivi e collegare i propri dispositivi elettronici a cinque diverse prese Usb oltre che alla rete WiFi dellauto. Il guidatore può inoltre contare su diverse tecnologie pensate per rendere più sicura la guida come la visione a 360 degli esterni e il Night Vision che rileva, sia di giorno, sia di notte, la presenza di pedoni o animali sulla strada. Non potevano infine mancare dotazioni di sicurezza attiva come il Collision Warning con funzione Cross-Traffic, il cruise control adattivo e i Lane Departure e Lane Change Warning.

Dotazioni uniche. Trattandosi di una vera Rolls-Royce la Cullinan non poteva esimersi da proporre dotazioni estremamente esclusive. Le portiere si possono aprire e chiudere elettricamente semplicemente sfiorando un sensore sulla maniglia o premendo un tasto, proprio come sulla Phantom. Lauto, inoltre, si abbassa di 40 mm per agevolare laccesso dei passeggeri e accoglierli nel lussuosissimo abitacolo creato con pregiati pellami e intarsi. La Suv è disponibile sia a quattro, sia a cinque posti: in entrambi i casi la cabina e il vano bagagli sono separati da un divisorio pensato per migliorare lisolamento acustico e termico dellabitacolo. Gli schienali del divano posteriore possono essere reclinati per creare un tavolino, nel caso fosse presente un passeggero, oppure per permettere di fare spazio a oggetti lunghi fino a 2.245 mm e portare la capacità massima di carico 1.930 litri. Sulle versioni a quattro posti i due sedili posteriori possono essere regolati elettricamente nellinclinazione e sono separati da una consolle centrale che integra un frigo per lo champagne e dei vani dove riporre delle flte, un decanter per whisky e i relativi bicchieri. Per i più sportivi è inoltre prevista la possibilità di montare dei Recreation Module allinterno del bagagliaio dove inserire tutto il necessario per il proprio hobby facendo creare un modulo su misura dalla Rolls-Royce Bespoke Collective.

Categorie: 4 Ruote

F.1, GP di Spagna - Si corre sul circuito di Barcellona

4 Ruote - Mag 10,2018

La Formula 1 è pronta ad affrontare la prima gara europea della stagione. Questo fine settimana, sul rinnovato asfalto del circuito di Catalunya, si correrà il Gran Premio di Spagna, quinta tappa del Mondiale 2018.

Campionato equilibrato. Non sono certo mancate le emozioni in questavvio di stagione. Nelle prime quattro gare, Vettel e la Ferrari hanno trionfato per due volte, mentre Red Bull e Mercedes hanno vinto una corsa a testa. Dopo la rocambolesca gara di Baku, Lewis Hamilton che è riuscito a vincere avendo condotto la gara per meno di 3 giri è leader della classifica piloti con 70 punti, con quattro lunghezze di vantaggio su Vettel. Situazione inversa nella classifica costruttori, dove la Ferrari mantiene lo stesso margine di quattro punti sulla Mercedes. In questo contesto, la Red Bull ha perso un po terreno sui diretti avversari, nonostante le prestazioni della RB14 siano di tutto rispetto. Il doppio ritiro di Baku, dopo quellincidente tra compagni di squadra, ha letteralmente mandato su tutte le furie la dirigenza del team di Milton Keynes: chissà se lapproccio cambierà o se i piloti saranno lasciati ancora liberi di lottare, comè successo finora, tenendo però conto che due teste calde come Verstappen e Ricciardo potrebbero ritrovarsi in situazioni simili a quella già vissuta in Azerbaijan.

Mercedes con i favori del pronostico. Dando un'occhiata alle statistiche, ci si rende conto di come, negli anni passati, la Mercedes abbia avuto una grande superiorità sul giro singolo: nelle ultime cinque edizioni, in pole position cè sempre stata una delle Frecce d'Argento. Curiosamente, Vettel su questa pista non ha mai ottenuto una pole, neanche all'epoca del dominio della Red Bull: ci riuscirà questanno, dove la sua Ferrari sembra avere il ritmo giusto anche sul giro singolo? Le qualifiche in Spagna sono di vitale importanza, perché effettuare dei sorpassi su questo tracciato è particolarmente complicato: partire davanti è un vantaggio da non sottovalutare.

Vetture più evolute. Solitamente, la prima gara europea corrisponde con larrivo di grandi aggiornamenti aerodinamici e meccanici su praticamente tutte le vetture. Aspettiamoci, dunque, di assistere a una prima sessione di prove libere piuttosto criptica, poiché tutte le squadre avranno dei programmi di lavoro leggermente diversi dal solito, proprio per valutare la bontà degli aggiornamenti e decidere se utilizzarli o meno per il resto del Gran Premio. Ma non è tutto, perché i team si fermeranno per altri due giorni di test dopo il Gran Premio, proprio per valutare e programmare futuri aggiornamenti da introdurre per i prossimi eventi in calendario.

La gestione delle gomme è cruciale. Oltre a valutare landamento delle monoposto, team e piloti saranno impegnati nel lavoro di comprensione del comportamento della gomma. Il circuito di Barcellona che si compone di 16 curve ed è lungo 4,6 chilometri è dotato di un nuovo asfalto, liscio e poco abrasivo. Tuttavia, le lunghe e veloci curve come la 3 e la 9 sollecitano particolarmente le gomme. Le nuove caratteristiche dellasfalto spagnolo hanno portato la Pirelli a ridurre di 0,4 millimetri il battistrada dei pneumatici slick. Questo non avrà conseguenze sulle prestazioni e aiuterà a minimizzare il rischio di surriscaldamento della gomma stessa. I piloti dovranno fare molta attenzione alla gestione delle gomme posteriori, che soffrono molto in trazione, ma soprattutto alla gomma anteriore sinistra, la più sollecitata in assoluto. Per il Gran Premio di Spagna, la Pirelli fornirà le mescole White Medium, Yellow Soft e Red Supersoft.

Il GP di Spagna in TV. Gli appassionati potranno seguire la gara in diretta sulla piattaforma satellitare Sky, oppure la differita in chiaro, sul digitale terrestre, sul canale TV8. Ecco gli orari del fine settimana a Barcellona.

 

Venerdì 11 maggio

Prove libere 1 | dalle 11 in diretta su Sky Sport F1

Prove libere 2 | dalle 15 in diretta su Sky Sport F1

Sabato 12 maggio

Prove libere 3 | dalle 12 in diretta su Sky Sport F1

Qualifiche | dalle 15 in diretta su Sky Sport F1 differita ore 19:45 su TV8

Domenica 13 maggio

Gara | Dalle 15:10 in diretta su Sky Sport F1 differita ore 21 su TV8

Categorie: 4 Ruote

Credito al consumo - Prestiti per 15,5 miliardi per l'acquisto di auto e moto nel 2017

4 Ruote - Mag 10,2018

Il 2017 si è chiuso con una nuova crescita delle immatricolazioni di auto e moto e una spinta è arrivata anche dal settore del credito al consumo. Secondo l'ultima edizione dell'Osservatorio Compass (gruppo Mediobanca), il volume dei finanziamenti erogati l'anno scorso per l'acquisto di veicoli a quattro e due ruote ha superato i 15,5 miliardi di euro, con una crescita del 10,2% rispetto al 2016 (+33,9% sul 2015), un tasso percentuale superiore all'incremento delle registrazioni: +7,9% per le auto e +5,1% per moto, scooter e ciclomotori.

Auto e moto dominano il credito al consumo. L'intero settore del credito al consumo italiano è cresciuto nel 2017 del 7,8% (+54% sul 2016), fino a oltre 19 miliardi di euro, con il comparto auto e moto che segna le migliori performance e registra anche il peso maggiore. L'acquisto di due e quattro ruote ha rappresentato l'82% delle erogazioni totali e il 35% delle operazioni finanziate. Negli ultimi mesi, però, è stato riscontrato un leggero rallentamento in scia al progressivo indebolimento della domanda durante l'ultima parte dell'anno scorso. Il tasso di crescita dei volumi dei finanziamenti è infatti sceso rispetto all'11,3% del primo semestre, quando i volumi si erano attestati a 8,1 miliardi. L'analisi trimestrale mette in luce un andamento comunque contrastato. Se nel primo trimestre dell'anno scorso i volumi sono cresciuti del 17,2% fino al record di 4,216 miliardi, nei trimestri successivi i volumi si sono ridotti progressivamente per tornare a superare i 4 miliardi alla fine dell'anno. Nel periodo aprile-giugno, i finanziamenti sono stati 3,9 miliardi (+6,5%), nei tre mesi successivi 3,38 miliardi (+13,8%) e negli ultimi tre 4,029 miliardi (+4,5%). 

Finanziamento medio di 13 mila euro. L'Osservatorio Compass ha anche quantificato l'ammontare medio dei finanziamenti erogati tramite i rivenditori convenzionati: l'importo è pari a 13.048 euro per le auto e a 4.168 per le moto, contro gli 889 dellelettronica, che rappresenta il settore più rilevante per numero numero di richieste. Dall'osservatorio emergono interessanti indicazioni sulle scelte automobilistiche degli italiani. A dispetto di molti studi negativi sulla progressiva perdita di importanza dell'auto all'interno delle economie e delle società avanzate, per la maggioranza degli italiani le quattro ruote rappresentano sempre uno status symbol e tali rimarranno anche in futuro. A pensarlo è quasi il 60% dei rivenditori convenzionati. Del resto le auto continuano a essere ritenute un bene necessario e imprescindibile, nonché il modo più immediato per comunicare il proprio stato sociale. 

L'estetica prevale sulla convenienza. Un'altra curiosità è legata ai fattori di scelta. Non è il prezzo a prevalere, bensì altri elementi: per il 41% dei rivenditori i clienti guardano innanzitutto allo stile e all'estetica e in seconda battuta alla convenienza, considerando per esempio i consumi di carburante delle vetture (33%). Inoltre, il 30% è influenzato dal marchio. Minore attenzione viene invece riversata sui dispositivi antinquinamento o agli standard sulle emissioni (2%), sulla sicurezza e la motorizzazione (10%), sulla rivendibilità del veicolo (8%), sui costi di mantenimento (15%), sulle tecnologie istallate (13%) o sui motori (10%). Sul fronte tecnologico e le relative soluzioni per l'auto del futuro, più del 40% dei rivenditori ritiene necessarie la completa connessione del veicolo con diversi dispositivi e l'installazione di sistemi automatizzati per la sicurezza. Il 39% immagina di utilizzare un veicolo a guida autonoma, ma solo in determinate condizioni, come nelle manovre di parcheggio. 

Categorie: 4 Ruote

Bimbi in auto - In vendita i seggiolini Chicco anti abbandono

4 Ruote - Mag 10,2018

Partirà alla fine di maggio la commercializzazione dei primi seggiolini per auto della Chicco equipaggiati con il sensore anti abbandono sviluppato dalla società BebèCare in collaborazione con la Samsung. Si tratta dei modelli Oasys 0+ UP, omologato secondo la normativa ECE R44/04 per il trasporto di bambini dalla nascita fino a 13 kg, e Oasys i-Size, adatto a piccoli con unaltezza compresa tra 40 e 78 cm (sempre per un peso massimo di 13 kg): saranno in vendita con prezzi di listino rispettivamente di 149 e 249 euro. 

Sistema salvavita. Attraverso i sensori integrati nel seggiolino, il dispositivo avvisa della presenza del bambino in auto grazie a un'apposita app. Quando lo smartphone su cui è stata scaricata l'applicazione si allontana dalla vettura emette un allarme acustico e visivo; se non viene silenziato entro 40 secondi viene inviato un Sms a tutti i numeri di emergenza registrati nellaccount con le indicazioni utili a geolocalizzare larea in cui si trova il bambino. 

App gratuita. L'app è disponibile gratuitamente per tutti i dispositivi Android e iOS. In un secondo momento il sistema salvavita equipaggerà anche il nuovo seggiolino Chicco AroundU, omologato i-Size, adatto a piccoli da 40 a 105 cm di altezza.

 

Categorie: 4 Ruote

Cadillac ATS - La berlina compatta esce di scena

4 Ruote - Mag 10,2018

A soli sei anni dall'introduzione sul mercato statunitense, la Cadillac ATS sarà ritirata dal mercato. Il model year 2018 della quattro porte sarà infatti il canto del cigno di questo modello lanciato nel 2012 per fronteggiare rivali tedesche come le Audi A4, BMW Serie 3 e Mercedes-Benz Classe C. Lo scorso anno la Cadillac ha riscontrato un drastico calo delle vendite della ATS, scelta solo da 13.100 clienti, in flessione del 39% rispetto al 2016.  

Nuova strategia. Il brand di lusso della General Motors intende sostituire quasi metà della propria gamma: oltre alla ATS presto anche la CTS e la XTS lasceranno spazio a due nuove berline delle quali, per il momento, non sono stati comunicati né i nomi né le tempistiche di lancio. "La produzione della berlina ATS", ha comunicato un portavoce dalla Casa, "sta finendo per lasciare spazio all'aggiornamento degli impianti, all'espansione espansione e al retooling delle fabbriche per preparare la prossima generazione di berline Cadillac". La nuova strategia del costruttore punta infatti a massimizzare i profitti riducendo la complessità della gamma, in una manovra simile a quella che attueranno anche altri costruttori, come la Ford. Il modello che ha dato il via al nuovo piano industriale è la Suv compatta XT4, presentata allo scorso Salone di New York e attesa nelle concessionarie americane per il prossimo autunno. Vista la continua crescita del segmento delle sport utility presto arriverà anche una Suv di grandi dimensioni, la XT6 a sette posti, in attesa che le tre volumi di nuova generazione facciano il proprio debutto. In tutto questo l'unico modello che continuerà sulla propria strada sarà l'ammiraglia CT6, la prima Cadillac a disporre del sistema di assistenza alla guida Super Cruise.

 

Categorie: 4 Ruote

Lamborghini - Richiamo negli Usa per correggere il peso massimo

4 Ruote - Mag 10,2018

Piccolo incidente di percorso per la Lamborghini Centenario, prodotta in edizione limitata, di 40 esemplari, per celebrare due anni fa il secolo dalla nascita del fondatore Ferruccio. A quanto pare, come riporta il sito americano Jalopnik.com, la Casa di SantAgata avrebbe sbagliato a riportare i limiti di massa a pieno carico della supercar. Ovviamente una svista, perché si tratta di un bolide da usare da soli o al massimo in due, e senza troppi bagagli, o per lo meno non così pesanti da rendere pericolosa la guida, ma in ogni caso la National Highway Safety administration (ente per la sicurezza stradale americano) ha ordinato un richiamo per evitare il rischio che letteralmente lauto possa essere sovraccaricata. A questo punto, secondo quanto stabilito dal richiamo stesso, la Lamborghini dovrà informare i fortunati proprietari delle vetture e apporre un'etichetta di certificazione corretta sui documenti.

 

Categorie: 4 Ruote

Mercedes-Benz GLS - Nuovo avvistamento della Suv di Stoccarda

4 Ruote - Mag 10,2018

Non è di certo la prima volta che la nuova generazione della Mercedes-Benz GLS viene avvistata durante i collaudi ma, a differenza delle uscite precedenti, questa volta il prototipo mostra diversi dettagli inediti. In quasi tutte le foto spia scattate finora la Suv montava pesanti camuffature all'anteriore pensate per nascondere, oltre al paraurti, anche la calandra e i fari ma, con la data di lancio sempre più vicina, i tecnici di Stoccarda hanno iniziato a liberare il muso della vettura dalle coperture superflue, permettendoci di osservare l'impostazione del nuovo frontale.

Look definitivo. La nuova GLS riprenderà lo stile della sorella minore GLE proponendo una calandra anteriore più grande rispetto a quella del modello attuale e un paraurti dalle forme più fluide e muscolose. Lateralmente sul paraurti saranno presenti delle prese d'aria scavate, mentre al centro il look sarà probabilmente caratterizzato dalla presenza di una protezione per il sottoscocca, come tipico di molte sport utility. I fari, pur avendo perso le coperture, sono ancora camuffati: disporranno della tecnologia Led e avranno una forma molto meno affilata rispetto a quella dei gruppi ottici delle berline di nuova generazione. Il prototipo appena avvistato presenta meno camuffature anche al posteriore dove sono visibili per la prima volta i gruppi ottici definitivi.

Tutta nuova. Come già anticipato, la nuova Mercedes-Benz GLS nascerà su una nuova piattaforma costruttiva che permetterà di aumentare la rigidità del telaio e ridurre il peso complessivo della vettura. Come per il modello attuale, anche per la seconda generazione della grande Suv tedesca verranno impiegati motori, diesel e benzina, a sei od otto cilindri, tutti elettrificati con varie soluzioni che potrebbero spaziare dal mild hybrid a versioni plug-in.

Categorie: 4 Ruote

Tesla - Un misterioso modello appare in video

4 Ruote - Mag 10,2018

Mentre le linee di montaggio della fabbrica di Fremont continuano a sfornare sempre più Model 3, seppur con volumi inferiori rispetto a quelli inizialmente previsti dalla Casa, i tecnici della Tesla non si sono seduti sugli allori e stanno continuando a sviluppare i modelli elettrici attesi per i prossimi anni. Tra questi, oltre alle Model Y, Roadster e al Semi, potrebbe esserci anche la misteriosa vettura mostrata nell'ultimo filmato ufficiale del costruttore ancora coperta da un telo.

Dettagli inediti. La sola inquadratura nella quale il modello inedito appare visibile non mostra molti dettagli. La parte alta della carrozzeria è totalmente ricoperta e solo alcune finiture risultano così visibili. Analizzando le proporzioni della vettura si possono notare alcuni particolari totalmente inediti per la Casa californiana, come la particolare curvatura della venatura della fiancata, non riconducibile né alla Model 3, né a nessun altro modello attualmente in produzione. Tra la ruota anteriore e la portiera la distanza appare molto minore rispetto a quella di una Model S. Sembra dunque da escludere l'ipotesi che possa trattarsi di un nuovo aggiornamento della berlina. Per il momento non è chiaro se questa misteriosa vettura possa essere uno dei primi prototipi della Model 3 costruito come ipotesi di stile a grandezza naturale, oppure se sotto a quel telo possa essere effettivamente presente una delle prime Model Y che proprio con la berlina compatta condividerà la meccanica.

Nuovo sguardo alla Roadster. Qualche secondo più avanti nel filmato si può inoltre vedere un esemplare della seconda generazione della Tesla Roadster. La supercar elettrica mostra per la prima volta il proprio interno reale illuminato dalla luce del giorno: al centro della plancia, come anticipato, sarà presente uno schermo verticale dal quale sarà possibile gestire tutte le funzioni dell'auto. Il volante è lo stesso mostrato sui primi prototipi della 2+2, un particolare che, probabilmente, non sarà disponibile sul modello di serie.

Categorie: 4 Ruote

Mini - Una one-off per beneficenza

4 Ruote - Mag 09,2018

In occasione del matrimonio tra il principe Harry e Meghan Markle del prossimo 19 maggio, la Mini ha realizzato una one-off, che sarà messa all'asta per beneficenza. Il ricavato sarà devoluto alla Children's HIV (CHIVA), una delle associazioni indicate dalla coppia.   

Caratteristiche. Realizzata sulla base di una hatchback in allestimento Cooper S, questo esemplare unico si contraddistingue per la carrozzeria in tinta Crystal White, con strisce argentate sul cofano e sulla parte posteriore delle fiancate, i fanali posteriori con design Union Jack e cerchi di lega con sfumature blu. Ma ciò che rende davvero unica questa Mini è la verniciatura colorata del tetto, la cui grafica, realizzata a mano in diversi strati, riunisce particolari delle bandiere britannica e americana di Harry e Meghan. Alcuni particolari sono stati realizzati con stampa in 3D, come gli speciali badge bianchi sopra gli indicatori di direzione, che riportano le iniziali M e H divise da un cuore. E quando si clicca sul telecomando per sbloccare le portiere, sull'asfalto viene proiettato il messaggio di benvenuto "Just Married".

Abitacolo. A bordo spiccano i rivestimenti di pelle grigio Satellite, diverse sfumature blu e particolari cromati, mentre l'interno delle portiere riprende dettagli e colori del tetto. Di fronte al passeggero sulla plancia, c'è una decorazione con i nomi di battesimo degli sposi, la data del matrimonio e alcuni messaggi di auguri. Completano il quadro le bandiere stilizzate sui poggiatesta e cuciture a contrasto sulle alette parasole, che compongono il messaggio in rilievo "Love is".

Categorie: 4 Ruote

Villa dEste - Le star di Hollywood sfilano sul lago

4 Ruote - Mag 09,2018

Se volete ammirare le stelle del cinema americano, lappuntamento da non perdere è sul lago di Como. No, non stiamo parlando di George Clooney e delle tante celebrities che pure sulle sponde lariane sono di casa, ma delle auto protagoniste di alcune delle pellicole più famose della storia che saranno tra le star del Concorso di Eleganza di Villa dEste, organizzato da BMW Group Classic, in programma dal 25 al 27 maggio. Hollywood on the lake è infatti il tema delledizione 2018 di quella che si conferma una delle manifestazioni più esclusive del mondo per la qualità, il prestigio e la rarità delle vetture ammesse. E che questanno prevede una rassegna delle auto rese immortali dalla macchina da presa. Il lago di Como e il Grand Hotel Villa dEste, del resto, hanno da sempre un rapporto speciale con il cinema. In questo luogo di grande fascino, infatti, hanno soggiornato moltissimi attori e registi e qui sono anche state ambientate scene di film. Naturale, quindi, che gli organizzatori abbiano deciso di dedicare al cinema una sezione del contest.

Non solo cinema. Ma le auto in concorso non sono solamente quelle legate al dorato mondo hollywoodiano: sono 51, suddivise in otto categorie tematiche, quelle che hanno avuto lonore di essere selezionate dal comitato organizzatore e che saranno valutate dalla giuria di esperti e dal pubblico nel corso delle due giornate. Tra le classi, oltre a quella delle auto da film, questanno ci saranno I titani, dedicata alle pioniere della motorizzazione, Da Manhattan a Mayfair, riservata alle protagoniste delletà dellopulenza automobilistica (tra il 1919 e il 1938), Art Decò, con vetture realizzate tra il 1925 e il 1940, e la curiosa e inedita Quando il sesso era sicuro e le corse pericolose, con una retrospettiva di monoposto di Formula 1 che hanno gareggiato tra il 1954 e il 1988.

Concept e due ruote. Accanto alle auto del passato, a Villa dEste non manca uno sguardo al futuro, espresso da una rassegna di concept car, che saranno in lizza per il BMW Design Award. E in mostra ci saranno anche le moto: 30 esemplari di ogni epoca saranno in concorso affiancate, anche in questo caso, da alcune concept bike. Le due ruote saranno anche protagoniste di una parata per le strade di Cernobbio, in programma sabato pomeriggio dalle 14. Un parterre di mezzi straordinario, quello atteso in riva al lago di Como, che copre un arco temporale di 111 anni (lesemplare più anziano è una moto del 1907) e che conta in totale ben 9.500 CV.

Il programma. Levento si svolgerà come sempre su due giornate. Quella di sabato, a Villa dEste, è a inviti e vedrà lassegnazione della Coppa dOro. Domenica, invece, le auto si trasferiranno nella vicina Villa Erba, aperta al pubblico: i biglietti sono in vendita sul sito del concorso al costo di 13,50 euro (9,50 euro i ridotti). Oltre al piacere di vedere da vicino le vetture e al privilegio di scambiare quattro chiacchiere con i proprietari, i visitatori potranno anche votare la propria preferita tra le auto e le moto depoca e tra le concept. A Villa Erba, inoltre, torna il tema del cinema: nel padiglione centrale, infatti, è in programma la mostra Movie Cars and Bikes, con le auto e le moto (questa volta fuori concorso) protagoniste di film. Tra queste, le Mini di Mister Bean e le vetture comparse nelle saghe di James Bond e di Mission Impossible.

Gran finale. Tra le auto vincitrici delle singole categorie, infine, la giuria di esperti sceglierà la regina, la best of show, che verrà proclamata domenica, nel corso della serata di gala conclusiva.

 

Categorie: 4 Ruote

Dodge Charger - Primo teaser della nuova SRT Hellcat

4 Ruote - Mag 09,2018

La prossima estate, oltre al restyling della gamma Challenger, la Dodge lancerà sul mercato anche una versione aggiornata della Charger, SRT Hellcat compresa. Per entrambe le versioni le modifiche non si limiteranno ai dettagli estetici e per il momento non è da escludere che anche dentro al cofano si possano nascondere interessanti novità di carattere tecnico.

Nuove prese d'aria e più potenza. Il teaser appena diramato dalla Casa americana mostra la nuova calandra della Hellcat: rispetto al modello precedente sulla griglia è stata integrata una nuova presa d'aria, probabilmente abbinata a un'apertura simmetrica sull'altro lato del muso. Questa modifica funzionale permetterà un migliore flusso d'aria all'interno del vano motore dove, probabilmente, troverà spazio una versione aggiornata dell'Hemi da 6.2 litri. L'otto cilindri sovralimentato potrebbe infatti guadagnare una ventina di CV, spingendosi oltre gli attuali 707 CV.

Categorie: 4 Ruote

Formula E - In arrivo un nuovo team: HWA AG

4 Ruote - Mag 09,2018

HWA AG, gruppo tedesco di Affalterbach e stretto collaboratore della Mercedes-AMG, prenderà parte al campionato ABB Fia Formula E come team privato a partire dal prossimo anno, portando dunque a undici il numero totale delle squadre partecipanti alla quinta stagione della categoria.

Pronti al debutto.Durante la stagione in corso, i tedeschi della HWA AG stanno già supportando tecnicamente la Venturi e laccordo con la scuderia monegasca, che tra i soci ha anche lattore Leonardo Di Caprio, sarà esteso anche per il prossimo campionato. In virtù di questa partnership la HWA AG, per ledizione 2018-19 della serie elettrica, otterrà dalla Venturi la fornitura del powertrain, vale a dire il gruppo motopropulsore. La nuova era della Formula E, che di fatto si aprirà proprio lanno prossimo con lintroduzione delle vetture di seconda generazione, sembra quindi nascere sotto i migliori auspici, con un folto elenco di concorrenti pronto a darsi battaglia sugli asfalti dei circuiti cittadini delle più suggestive metropoli al mondo.

Cresce la famiglia. Decisamente soddisfatto dei risultati raggiunti si è dichiarato Alejandro Agag, ceo della categoria, che, impaziente di vedere allopera i veicoli Gen 2, ha espresso un plauso nei confronti del competitivo gruppo tedesco che si unirà alle 10 squadre già in lotta per il titolo. davvero emozionante poter vedere che un team di questo calibro ha deciso di unirsi al crescente elenco di squadre e produttori che gareggiano in Formula E. Il gruppo HWA AG ha già una comprovata esperienza in altre categorie e sicuramente questi ragazzi spingeranno al limite per ottenere risultati importanti anche in Formula E. Sono perciò felice di dargli il benvenuto nella grande famiglia elettrica e non vedo lora di vedere cosa sono capaci di fare in pista, ha affermato il manager spagnolo.

Dal DTM alla serie elettrica. Stesso entusiasmo anche da parte di Ulrich Fritz, ceo della HWA AG, che ha comunque puntualizzato la forte competitività che caratterizza la categoria: La Formula E è una disciplina sportiva quasi completamente nuova, ma la concorrenza sarà estremamente dura. una sfida che ci permetterà di crescere. Siamo la squadra che ha vinto di più nella storia del DTM, per questo il nostro obiettivo sarà quello di continuare la striscia positiva anche in Formula E. Grazie alla forte competizione in pista, pensiamo che questa sia la piattaforma perfetta per dimostrare cosa siamo in grado di fare sul palcoscenico mondiale, misurandoci con squadre assolutamente al top", ha concluso Fritz. Parole di incoraggiamento sono arrivate anche da Gildo Pastor, presidente della Venturi Automobiles, lieto di aver contribuito allapprodo del gruppo tedesco in Formula E e certo che il know-how offerto dal proprio team potrà costituire una preziosa risorsa anche per il gruppo di Affalterbach.

Categorie: 4 Ruote

Torino - Il Museo dell'Automobile ospita Face2Face with FCA

4 Ruote - Mag 09,2018

Le sale del Museo dell'Automobile di Torino ospitano l'edizione 2018 di Face2Face with FCA. La manifestazione, promossa dal gruppo italo-americano, ha lo scopo di sostenere gli ingegneri di domani che partecipano alla tappa italiana della Formula Sae (Society of automotive engineers). La competizione è aperta agli studenti universitari che, suddivisi in team, hanno il compito di progettare, costruire e mettere in pista un'auto da competizione.

Appuntamento in pista. La 14esima edizione della Formula Sae Italy si svolgerà dall11 al 15 luglio sul circuito di Varano de Melegari. Si sfideranno oltre sessanta studenti d'ingegneria (suddivisi in 15 squadre) provenienti da 14 Università: Politecnico di Bari, Università della Calabria, Università degli studi Federico II di Napoli, Università di Modena e Reggio Emilia, Università di Pisa, Università degli Studi di Padova, Alma Mater Studiorum Università degli studi di Bologna, Politecnico di Milano, Università di Trento, Politecnico di Torino, Università La Sapienza, Università degli Studi di Padova, Università Politecnica delle Marche, Università degli Studi di Parma e Università di Brescia.

Il supporto di Fiat Chrysler Automobiles.  Gli appuntamenti Face2Face con gli esperti di FCA sono progettati in modo da fornire il massimo supporto alle Università. Questanno le attività sono concentrate sulla preparazione delle presentazioni che i ragazzi dovranno effettuare a luglio: Business Plan, Engineering Design e Cost Analysis. Le valutazioni si basano su contenuto, organizzazione, illustrazione dei progetti e dei relativi costi nonché sullabilità nel rispondere alle domande dei giudici. Limpegnativa giornata di lavori è alleggerita da un visita al Museo dell'Automobile e alle sue numerose vetture della collezione.

 

 

Categorie: 4 Ruote

Il mercato dei box - Napoli la più cara, Milano e Roma quasi appaiate

4 Ruote - Mag 09,2018

Crollano i prezzi dei box in alcune città italiane, mentre in altre mantengono invariato il loro valore e, in un solo caso, a Milano, salgono le locazioni. Secondo lOsservatorio di Immobiliare.it, che ha confrontato il mercato attuale con quello del 2013, negli ultimi cinque anni è stata Genova ad accusare i maggiori ribassi, fino addirittura al -33,5% (con un valore medio nel 2018 di 33.000 euro), mentre la meno interessata alle variazioni è stata Napoli, che ha sostanzialmente mantenuto i suoi altissimi prezzi di mercato, con un poco significativo -1% (e un molto indicativo, invece, prezzo medio di 46.800 euro). Roma e Milano si trovano accumunate dal valore dei box (35 mila la prima, contro i 34 mila della seconda), ma se nella capitale cè stato un crollo del 21,4%, la metropoli lombarda si è attestata su un meno drammatico calo del 6,8%. Nella panoramica dei principali capoluoghi italiani, emergono anche i dati negativi di Firenze (-29,6%, 33 mila euro) e di Palermo (-25,7% con un valore medio di 31.600 euro).

A Milano affitti rincarati. Sul fronte del canone mensile per chi rinuncia ad acquistare un box, ma ne ha comunque necessità, soltanto Milano registra un segno positivo, 6,1 sempre rispetto al 2013, con una media di 170 euro. Seppure in calo, rispettivamente del 25% e del 10,7%, restano sensibilmente più alte le locazioni di Napoli, lunica a quota 200 euro, e di Roma, a 180 euro. Decisamente più economico affittare un box a Torino, dove il valore medio è di 105 euro (calato del 7,3% nel quinquennio in esame).

Non solo crisi. "Cinque anni fa era principalmente la crisi economica a far sì che molti italiani rinunciassero a uno spazio per la propria auto. Oggi, lallargamento della forbice tra offerta, sempre più alta, e prezzi, sempre più bassi, è dovuto a tanti fattori concomitanti", spiega Carlo Giordano, di Immobiliare.it. "Non stupisce infatti che siano le grandi città quelle in cui il box auto è sempre di più uno spazio di cui si può fare a meno: qui non solo lintroduzione di numerose Ztl nei centri storici, ma anche la fortuna di car e bike sharing stanno influenzando il mercato dei garage, rendendoli sempre meno indispensabili".

 

 

Categorie: 4 Ruote

Rolls-Royce Cullinan - Ancora un teaser prima del debutto

4 Ruote - Mag 09,2018

A poche ore, meno di un giorno, dall'attesa presentazione della Cullinan, la prima Suv della Rolls-Royce, in calendario il 10 maggio, la Casa britannica ha rilasciato un ultimo teaser che mostra il comando multimediale sul tunnel centrale. Appuntamento a domani per lo svelamento ufficiale.

Categorie: 4 Ruote

Uber Elevate - Con la Nasa e l'esercito per le auto volanti

4 Ruote - Mag 09,2018

Uber vuole solcare i cieli di tutto il mondo. I taxi volanti sono stati annunciati ormai da tempo ma durante l'Uber Elevate Summit di Los Angeles il colosso dei trasporti ha svelato nuovi dettagli riguardo alle proprie strategie nell'ambito degli eVtol, gli electric vertical take-off and landing vehicles.  

Con l'esercito per la riduzione del rumore. Tra gli accordi appena annunciati da Uber spicca quello stipulato con l'esercito degli Stati Uniti. L'azienda di San Francisco collaborerà con l'Army's Research, Development and Engineering command per sviluppare un nuovo prototipo di rotore appositamente pensato per i veicoli a decollo e atterraggio verticale. Il progetto, per il quale sarà investito inizialmente un milione di dollari, prevede la realizzazione di un sistema con due rotori sovrapposti controllati da un software. Questa soluzione è pensata per ridurre al massimo il rumore, uno degli ostacoli più importanti per la diffusione degli eVtol. Le ricerche porteranno inoltre l'esercito a sviluppare una nuova generazione di droni, più silenziosi e versatili rispetto ai velivoli attuali.

Il secondo accordo con la Nasa. L'ente aerospaziale americano ha dichiarato di aver stipulato un secondo accordo con Uber per "esplorare nuove tecnologie legate alla mobilità aerea urbana con il fine di garantire un sistema efficiente e sicuro per il trasporto aereo in aree popolate". La nuova intesa, nata a seguito allo Space Act Agreement per la creazione di un sistema di gestione del traffico aereo senza equipaggio, porterà alla realizzazione di simulazioni computerizzate per identificare eventuali problematiche nell'organizzazione del traffico aereo in prossimità degli aeroporti e per comprendere gli effettivi limiti del nuovo servizio di taxi volanti.

 

I concept di Air Taxi. Gran parte dei progetti per gli air taxi è ancora sulla carta, ma sempre più costruttori di aerei hanno iniziato a sviluppare concept di velivoli elettrici in grado di decollare verticalmente. La Airbus, per esempio, ha svilupato l'A3 Vahana, un velivolo a otto rotori che lo scorso gennaio ha effettuato il suo primo volo di collaudo. Più simile a un aereo è invece il Joby S2 con le sue 11 eliche, mentre l'ultima proposta in ambito di eVtol è stata presentata dalla Embraer proprio durante la conferenza organizzata da Uber. Si tratta di un concept a 9 rotori creato dalla EmbraerX, la sezione dell'azienda specializzata in nuove tecnologie, con un aspetto simile a quello di un elicottero.

Infrastrutture specifiche. Per la diffusione delle auto volanti serviranno però anche diverse infrastrutture. Le Vertiport e Vertistop sono delle piattaforme d'atterraggio pensate per integrarsi nei contesti urbani e vicino alle principali arterie autostradali. Sui tetti di alcuni edifici saranno realizzate delle zone per il decollo e l'atterraggio degli eVtol che permetteranno ai futuri taxi volanti di spostarsi da una parte all'altra delle città potendo portare i clienti anche al di fuori delle metropoli, atterrando in specifiche zone ricavate all'interno degli svincoli autostradali.

I concorrenti. Uber Elevate, tuttavia, non è l'unica azienda attiva nello studio degli air taxi. Altre realtà a livello globale hanno iniziato a investire per creare dei veri e propri servizi di ride sharing volanti, come la startup tedesca Volocopter finanziata dal gruppo Daimler, la Lilium appoggiata dai cinesi della Tencent o il colosso dell'aeronautica Airbus che, insieme all'Audi e alla Italdesign, ha sviluppato la concept Pop.Up Next. Altre realtà, come la Terrafugia, la Pal-V o la Samson con la sua Switchblade, puntano invece a proporre auto volanti pensate per clienti privati.

Categorie: 4 Ruote

Mercedes-Benz GLE - Proseguono i collaudi per la nuova generazione

4 Ruote - Mag 09,2018

La Mercedes-Benz prosegue lo sviluppo della prossima generazione della GLE. La Suv che sfrutterà tutto il know-how della rinnovata Classe E è stata immortalata dai nostri fotografi durante un recente collaudo su strada. Il suo debutto, come per laggiornata sorella GLS, potrebbe avvenire già entro la fine di questanno o, al più tardi, nei primi mesi del 2019.

Elementi stilistici definitivi. Seppur ancora camufatta in modo massiccio, le foto dei muletti lasciano intravedere alcuni stilemi che, salvo stravolgimenti in corso dopera, caratterizzeranno il modello di serie: mascherina frontale dotata di due grandi elementi orizzontali, alloggiamenti per i terminali di scarico a vista nel paraurti posteriore e gruppi ottici a Led, il cui sviluppo orizzontale prosegue fin sul portellone. Nel complesso, fin dal primo sguardo appare evidente lincremento delle dimensioni di passo e lunghezza, così come delle carreggiate, con passaruota più muscolosi rispetto a quelli attuali. Ancora: il montante posteriore parzialmente nascosto potrebbe celare soluzioni stilistiche inedite. Le fiancate, invece, confermano limpiego di linee pulite ed essenziali.

Abitacolo ispirato alla nuova Classe E. Il legame con la nuova Classe E non si limiterà al travaso di tecnica e meccanica, comprese le imminenti motorizzazioni elettrificate, bensì riguarderà anche limpostazione dellabitacolo. Glinterni del nuovo modello vanteranno una plancia a sviluppo orizzontale con doppio display da 12 pollici integrato in un'unica struttura. La console centrale, a differenza della berlina, non sarà collegata alla plancia principale, ma proporrà due elementi laterali rialzati e al centro il comando dell'infotainment.

Categorie: 4 Ruote

Volkswagen Golf - Al Wörthersee la GTI da 411 CV

4 Ruote - Mag 09,2018

La Volkswagen ha svelato al 37 raduno sul lago Wörthersee due concept su base Golf create dai propri apprendisti nelle sedi di Wolfsburg e Zwickau. Il primo modello, la GTI Next Level, è un'evoluzione ad alte performance della sportiva tedesca, mentre il secondo prototipo, la Variant TGI GMotion, è una versione a trazione integrale della familiare a metano. Entrambe le vetture sono state create in nove mesi da 29 ragazzi con età compresa tra i 18 e i 23 anni, specializzati in 12 diversi settori.

 

 

La GTI Next Level. Gli apprendisti hanno voluto portare la GTI verso un nuovo livello, modificandone l'estetica, gli interni e la meccanica. La Golf GTI Next Level adotta una versione potenziata del 2.0 TSI turbo benzina con cambio automatico DSG a sette rapporti. Il quattro cilindri arriva a erogare 411 CV e 511 Nm a 4.440 giri e trasmette tutta la propria potenza alle sole ruote anteriori: i cerchi forgiati derivano dall'Audi R8 e montano pneumatici Dunlop SportMaxx GT GTI 2108 235/30 ZR20. Tra le modifiche di carattere tecnico, oltre all'adozione di una nuova turbina, di pistoni forgiati e di un intercooler maggiorato, la GTI Next Level dispone anche di uno scarico valvolare in acciaio, di un impianto frenante carboceramico Brembo e di un assetto con sospensioni Bilstein B16 Damptronic controllabile tramite l'Adaptive Chassis Control integrato nella vettura. Oltre a questo gli apprendisti hanno sviluppato una verniciatura esclusiva per la carrozzeria, progettandola con appositi programmi di modellazione insieme al nuovo impianto audio da 2.480 Watt con monitor integrato nel fondo del baule.

La Variant TGI GMotion. La versione a metano con trazione integrale della familiare di Wolfsburg arriva invece dalla Volkswagen Sachsen di Zwickau dove 14 apprendisti hanno trasformato una Golf Variant per renderla più sportiva ed efficiente. Il motore della GMotion è il 1.5 TGI da 131 CV già disponibile in gamma, abbinato però a un cambio automatico doppia frizione DSG con trazione integrale. Lavorando con la fabbrica di motori di Chemnitz e la Transparent Factory di Dresda i ragazzi di Zwickau hanno anche sostituito le sospensioni abbassando l'assetto di 40 mm e dotando la vettura di un impianto frenante a quattro pistoncini. L'estetica deriva dalla versione Alltrack della segmento C, aggiornata con tinte derivate dalla gamma Bentley con colori abbinati alle finiture dei cerchi di lega da 20".

Categorie: 4 Ruote

Volkswagen - Usa, prodotte 700.000 Passat nell'impianto di Chattanooga

4 Ruote - Mag 09,2018

La Volkswagen ha festeggiato negli Usa un importante traguardo produttivo: 700.000 Passat assemblate nello stabilimento di Chattanooga, in Tennessee. Il modello che ha consentito di raggiungere questo obiettivo è una GT rifinita nella tinta Reflex Silver, con interni bicolore nero e grigio, equipaggiata con il poderoso V6 a benzina di 3,6 litri e da 280 CV abbinato al cambio doppia frizione Dsg Tiptronic a 6 rapporti. 

Gli altri modelli. Nell'impianto di Chattanooga, oltre alla Passat, la Volkswagen attualmente produce la Suv a sette posti Atlas, di cui a marzo è stata annunciata una versione a cinque posti, che sarà realizzata sempre sulla medesima piattaforma Mqb. Per accogliere quest'ultimo modello è stato stanziato un investimento di 340 milioni di euro destinati ad ampliare la fabbrica americana. 

Categorie: 4 Ruote

Toyota Connected Europe - Nasce a Londra una startup per la mobilità del futuro

4 Ruote - Mag 09,2018

Limpegno rivolto dalla Toyota nello studio di nuove soluzioni per la mobilità del futuro è in costante crescita: dopo aver fondato la Toyota Connected, una controllata nata espressamente per sviluppare la mobilità del futuro e le tecnologie dell'auto connessa, la Casa ha ufficializzato la realizzazione di uno spin-off dedicato al Vecchio Continente.

Sede operativa a Londra. Con un investimento iniziale di 4,5 milioni di sterline la neonata Toyota Connected Europe, diretta da Agustin Martin, avrà sede a Londra e potrà contare su un team composto da 35/50 specialisti, tra ingegneri e sviluppatori di software. I principali ambiti di lavoro della struttura, in funzione da luglio, riguarderanno lo sviluppo di servizi predittivi per gli automobilisti, nuovi modelli di business, lo studio dei big data, l'Internet of Things.

Il futuro è già qui. Lattenzione sarà inoltre rivolta allo studio di possibili evoluzioni inerenti alla Mobility Services Platform, un framework di applicazioni connesse di mobilità che garantirà una semplice gestione delle flotte autonome. Un primo step dellinnovativo progetto è stato presentato al Ces di Las Vegas con l'e-Palette Concept, ovvero una piattaforma pensata per soddisfare le esigenze dei futuri servizi di mobilità driverless. In altre parole, attraverso questultima i clienti potranno sviluppare soluzioni di ride sharing, di trasporto e di mobilità urbana in base alle proprie esigenze, affidando il funzionamento dei mezzi a un'intelligenza artificiale, in grado di gestire in autonomia il funzionamento dei veicoli.

 

Categorie: 4 Ruote